domini


Quanti e quali caratteri può avere un dominio?

Postato in data Luglio 4th, da Riccardo Esposito in Vita da Webmaster. No Comments

Vuoi aprire un sito web e devi acquistare un hosting in grado di ospitare il tuo lavoro. In più hai bisogno di un nome capace di rispondere alle tue necessità di brand. Qui nasce la curiosità: quanti caratteri può avere un dominio web? La risposta di base è abbastanza semplice.

Come scegliere un dominio?

Per scegliere un dominio di qualità devi puntare verso 4 grandi linee: il nome deve essere facile da ricordare, pronunciare, scrivere e dettare. Ciò significa che, in linea di massima, semplicità e brevità sono pilastri imprescindibili. Ma non tutti hanno le stesse esigenze.

Spesso hai bisogno di qualche lettera in più per dare valore alla tua comunicazione. Per questo è utile capire quanti caratteri può avere un dominio e quali lettere si possono usare.



Come trovare un dominio libero

Postato in data Luglio 1st, da Riccardo Esposito in Vita da Webmaster. No Comments

I domini liberi sono il punto di partenza per ogni progetto che si rispetti. Quando decidi di creare un sito web o un blog aziendale, magari un ecommerce o un forum, hai bisogno di diversi elementi. Come, ad esempio, un template per l’aspetto estetico e un hosting.

Cerca i tuoi domini liberi.

Ma prima di tutto viene il domino web, combinazione di lettere e numeri che i rende identificabile su internet con un indirizzo unico. Mai uguale. Il dominio spesso viene preceduto dalla classica sigla www e si chiude con il primo livello, l’estensione nazionale o generica.

Appare logico pensare che la scelta debba essere in linea con le esigenze del brand e gli obiettivi del progetto. Quindi, come e dove trovare domini liberi? Ecco le soluzioni.



Perché acquistare dominio con nome e cognome?

Postato in data Giugno 10th, da Riccardo Esposito in Blog. No Comments

Il dominio con nome e cognome è un patrimonio di valore, avere a disposizione un indirizzo che risponda a questa combinazione vuol dire mettere al sicuro la tua identità online. Sia da possibili concorrenti che da altre persone omonime che vogliono fare la tua scelta.

Scegli un dominio adeguato.

Eppure molti professionisti del web, ma anche freelance che lavorano in altri ambiti, preferiscono evitare. Magari hanno creato un sito web acquistando un dominio relativo al brand. O un EMD, exact match domain, vale a dire dominio con keyword esatte.

Non è una scelta sbagliata, ci sono molti vantaggi in tutti i casi. Solo la strategia di business a monte può aiutarti a scegliere il dominio del sito web principale. Ma in ogni caso dovresti comprare quello con nome e cognome. Il motivo? Continua a leggere per approfondire.



Dominio in scadenza: cosa fare e quali opportunità ci sono

Postato in data Gennaio 24th, da Riccardo Esposito in Vita da Webmaster. 2 comments

Comprare dominio in scadenza: chi si occupa di web marketing, o conosce il mondo dei webmaster, sa bene che questa è un’operazione comune. Basata su una scadenza annuale da rispettare. Altrimenti rischi di perdere uno dei beni più preziosi per la presenza online.

Come scegliere il dominio.

Proprio così, anche se il rinnovo del dominio rientra tra le operazioni base per la gestione del sito web non puoi prendere l’operazione alla leggera. Senza dimenticare che nel rinnovare domini si possono nascondere delle occasioni importanti. Allora, come procedere?



Come registrare un dominio: guida pratica ed esempi

Postato in data Febbraio 19th, da Riccardo Esposito in Blog. No Comments

Una delle domande tipiche di chi inizia a lavorare nel mondo del web: come registrare un dominio? Beh, la risposta è abbastanza semplice, basta andare sul sito web di un provider, scegliere il servizio per registrare i domini e seguire le istruzioni. Ma è così semplice?

Di certo non è un’operazione complessa, chi inizia può aver problemi a lavorare con l’htaccess o l’FTP ma è abbastanza facile acquistare un dominio. Eppure ci sono dei passaggi che è giusto approfondire. Perché dietro alle attività più semplici si nascondono i dettagli che fanno la differenza. Allora, come registrare un dominio per un sito web?



Differenza tra dominio e hosting: definizioni e soluzioni

Postato in data Gennaio 2nd, da Riccardo Esposito in Hosting. No Comments

Può sembrare una questione superflua per i webmaster esperti, ma ci sono persone che vogliono iniziare, che desiderano creare un sito web da soli. Però hanno bisogno del supporto concreto per chiarire questi dubbi: qual è la differenza tra dominio e hosting?

Iniziamo a dire questo: in entrambi i casi, se vuoi creare un blog o un sito web professionale hai bisogno di questi passaggi. Devi acquistare un dominio presso un provider di servizi web. E lo stesso vale per l’hosting. Ma di cosa stiamo parlando? A cosa servono questi elementi?



Cos’è l’HTTP/2 e a cosa serve (ma anche come ottenerlo)

Postato in data Dicembre 21st, da Riccardo Esposito in News. 2 comments

Una delle soluzioni migliori per chi cerca alte prestazioni e pagine veloci: lavorare con l’HTTP/2, una realtà che oggi deve essere presa in considerazione da chi acquista un hosting e si appresta a creare un blog o un sito web. Dopo l’attivazione del Keep Alive, del PHP7 e dei dischi SSD questa è una delle modifiche strutturali più importanti.

Ma di cosa si tratta? Perché molti webmaster affrontano il tema HTTP/2? E, soprattutto, perché un lavoro online dovrebbe essere ansioso di usare questa soluzione per migliorare le prestazioni del proprio dominio? La risposta non è immediata ma si trova qui.

Cos’è HTTP/2: definizione

L’HTTP/2 – in realtà HTTP/2.0 – si basa sul protocollo SPDY creato da Google nel 2009. È la nuova versione del protocollo HTTP (Hypertext Transfer Protocol) apparso per la prima volta nel 1999 e sfruttato come sistema per la trasmissione … Continua a leggere »



Che differenza c’è tra dominio di primo, secondo e terzo livello?

Postato in data Dicembre 7th, da Riccardo Esposito in Hosting. 2 comments

Quando parli di domini di primo, secondo e terzo livello stai indicando una serie di snodi che fanno parte della struttura stessa del sito web. Ogni volta che qualcuno visita il tuo sito fa affidamento a questi elementi. Ti sembra un’attenzione eccessiva? Non credo, senza questi punti il tuo progetto web non potrebbe essere online. Devi essere preciso, non puoi sbagliare.

Come comprare un dominio? Semplice, basta andare nella sezione specifica di un provider (ad esempio su Serverplan la trovi qui) e concludi l’opera indicando le keyword che ti interessano, l’estensione che preferisci e le combinazioni utili per farti riconoscere. Ma poi ci sono altre domande: qual è il dominio di terzo livello? E il secondo? Lavoriamo insieme per rispondere.



Come creare un sottodominio (dominio di terzo livello)

Postato in data Luglio 3rd, da Riccardo Esposito in Hosting. 6 comments

Spesso la domanda che ci arriva dal servizio clienti è semplice: come creare un sottodominio, come sfruttare i domini di terzo livello sul proprio blog o sito web? La risposta è chiara: dal cPanel puoi risolvere tutto in pochi secondi, il percorso è semplice.

Per chi non è abituato alle dinamiche dei webmaster, però, tutto questo è arabo. Perché le domande che nascono subito dopo a questo punto sono ancora più insidiose: cos’è un sottodominio, a cosa serve, perché devo preoccuparmi di questo aspetto?

Ho deciso di aprire un blog con WordPress, quindi ho scelto un hosting di qualità e ho acquistato un dominio adeguato alle mie esigenze. Con un’estensione capace di riflettere gli scopi del mio brand. A cosa servono adesso queste diavolerie? Scopriamolo insieme.

Cos’è un sottodominio

Il sottodominio è un dominio legato a un elemento gerarchicamente superiore. C’è un dominio principale … Continua a leggere »



Promozione nuovo dominio .art: la rivoluzione in rete del pensiero creativo

Postato in data Maggio 10th, da Valentina Di Marco in News. No Comments

Dal 10 maggio 2017 ore 17.00 potrai registrare con Serverplan il prestigioso dominio .art

Con il termine “arte” s’intende l’abilità di dare forma estetica  al pensiero creativo ed intellettuale.  L’origine semantica della parola è legata al concetto di tecnica, sapere intellettuale e pragmatico.

Ma l’arte è molto di più. Dalla gloriosa Grecia ai giorni nostri questo termine si è nutrito del concetto di creatività, pensiero originale, capacità di dare espressione all’anima e di penetrare la realtà storica e sociale con una visione sensibile, progressista  e rivoluzionaria.

L’arte nell’era digitale

La sensibilità artistica ci appartiene storicamente e culturalmente. Ammiriamo l’espressione dell’arte in ogni angolo delle nostre città, nelle sale cinematografiche, nelle fotografie d’autore, nella musica, nei teatri, di fronte ad un palcoscenico e nella danza.

Organizziamo il nostro tempo e i nostri viaggi sulla base di quel desiderio innato e quell’attrazione istintiva che abbiamo di scoprire e … Continua a leggere »