6 punti essenziali per scegliere un buon template WordPress


Postato in data Ottobre 24th, da Riccardo Esposito in Wordpress. No Comments

Come scegliere tema WordPress? La risposta è chiara: il template del tuo blog o sito web deve rispettare i canoni estetici che hai immaginato per il tuo progetto web. D’altro canto a questo serve il tema, giusto? A presentare i contenuti nel miglior modo possibile.

Come scegliere tema WordPress
Come scegliere template WordPress.

D’altro canto questo elemento ha anche una forte influenza nei confronti del comportamento delle pagine web, sulla velocità di caricamento, sulla SEO e sull’usabilità. Mi sembra un buon motivo per approfondire come scegliere un tema WordPress all’altezza delle aspettative e delle necessità tecniche, non credi? Ecco cosa valutare con cura per avere sempre un sito di qualità.

Qual è lo scopo? C’è un tema da affrontare?

Per scegliere un tema si deve iniziare da questo punto: cosa ti serve esattamente? Se hai bisogno di un sito vetrina puoi puntare su un tema semplice, monopagina, perfetto per creare una landing page unica che puoi usare anche per sponsorizzazioni su Fb e Google.

Vuoi vendere online? Non ti puoi accontentare, devi usare un tema WordPress con Woocommerce in modo da sfruttare un’integrazione nativa con lo strumento più intuitivo per trasformare un sito web di base in uno strumento per creare ecommerce semplici da usare. Questa è sicuramente la soluzione più comoda e conveniente per il tuo sito.

Ancora, hai intenzione di creare un magazine o un sito istituzionale? Anche in questi casi ci sono template pensati per soddisfare queste esigenze. Se vai sui grandi database di temi WordPress come Themeforest trovi praticamente tutto. Meglio iniziare da una base pensata per raggiungere un determinato scopo e non partire da una soluzione estranea a i tuoi scopi

Da leggere: bounce rate, abbassare la frequenza di rimbalzo

Come scegliere tema WordPress: responsive

Ok, voglio iniziare con una banalità che però non può essere ignorata. Il template del tuo blog deve essere responsive. Questo significa che tra le sue caratteristiche chiave c’è la capacità di adattarsi a tutti gli schermi. Ormai è difficile avere un template che non risponda a queste caratteristiche, ma il concetto non è così semplice da affrontare: non è così semplice.

Non ti serve solo un tema mobile friendly ma una soluzione capace di presentarsi su ogni dispositivo. Anche con schermi più piccoli del classico smartphone da 4 pollici e su dispositivi dalle dimensioni particolari come i phablet (via di mezzo tra tablet e cellulare) e smart TV.

Google è diventato attento a questi punti. Non puoi permetterti di avere siti web che si vedono male dai dispositivi mobile, magari con testo troppo piccolo ed elementi che non lasciano spazio all’utente. Prima di scegliere un tema WordPress devi verificare che sia responsive.

come scegliere tema wordpress

La verifica più semplice e veloce in questi casi: apri un sito web che monta il tema che hai preso in esame e usa il Mobile Test di Google per verificare eventuali problemi.

Oppure, per approfondire, su Google Chrome puoi fare ispeziona con tasto destro del mouse e testare la pagina con diversi dispositivi mobile. L’aspetto interessante di questa verifica del sito web: puoi scegliere anche la visualizzazione verticale e orizzontale della pagina.

Punta sulla leggerezza del template, sempre

Uno dei vantaggi essenziali che puoi cercare e ottenere quando cerchi di capire come scegliere un template professionale per il tuo sito WordPress: la velocità. Devi scegliere un tema che garantisca tempi di caricamento ridotti. Chiaro, non dipende solo dal tema che hai individuato.

Perché la velocità di caricamento della pagina web dipende da diversi passaggi. Come la scelta di un hosting di qualità. In ogni caso ci sono diversi temi che rispondono a queste esigenze: GeneratePress, DIVI, Enfold, Genesis Framework sono solo alcuni nomi da valutare.

Come assicurarti di aver individuato un buon template sotto questo punto di vista? Semplice, prendi un sito che lo usa (magari quello del programmatore) e passalo su Pagespeed Insignt di Google. Verifica e prendi la tua decisione estromettendo però cause di rallentamento che non dipendono dal tema. Ad esempio il caricamento di immagini pesanti.

Ottimizzazione SEO: valuta i punti di base

Un punto strettamente collegato al precedente. Il tuo sito web deve essere in linea con le principali regole della buona ottimizzazione dei siti web. Quindi assicurati che il tema che hai scelto sia allineato con questi punti. Passaggio base: la velocità delle pagine web.

Come accennato, questo tema è fondamentale per l’usabilità del sito ma anche per l’ottimizzazione SEO. Perché Google premia i siti web veloci che fanno risparmiare secondi.

Ma l’ottimizzazione SEO del template va oltre la pulizia del codice e la velocità di caricamento. Assicurati, ad esempio, di avere supporto a Schema.org per inserire i rich snippet e magari attivare di default i breadcrumb. Soprattutto consiglio di fare una verifica online con il nome del template: vai alla ricerca di eventuali problemi SEO nelle recensioni.

Ha un supporto adeguato alle tue necessità?

Verifica la presenza di un forum o una sezione specifica dedicata all’assistenza, manda qualche email all’assistenza per avere un confronto diretto. Assicurati che non ci siano troppi ticket irrisolti e che le risposte ai problemi sollevati dai clienti vengano accolti nel miglior modo possibile. Meglio non acquistare template pieni di problemi e con un support inadeguato.

Evita temi con funzioni che non ti servono

Più elementi aggiungi su un template e maggiori sono i punti che potrebbero complicare la vita del tuo sito. Può sembrare un controsenso ma la mia esperienza mi porta a questo: l’essenzialità è il bene principale quando devi capire come scegliere tema WordPress.

Ci sono template spettacolari che offrono centinaia di funzioni. Che però possono appesantire il caricamento della pagina, sporcare il codice HTML con elementi che non ti serviranno. Metti a fuoco i tuoi bisogni e scegli il template con ciò che ti serve veramente. Non di più.

Da leggere: come cancellare una pagina da Google

Come scegliere tema WordPress: valutazioni

Devi fare alcune prove prima di acquistare e montare un template, perché tornare indietro non è facile. Anzi, nella maggior parte dei casi un cambio di template può essere complicato.

Un punto è chiaro: non devi lasciare che sia la prima impressione a influenzarti. Nei vari Themeforest e directory per template i temi vengono presentati sempre al meglio, ma come saranno nel momento in cui li scegli e li usi personalmente? Hai avuto anche tu quest’esperienza? Lascia domande e opinioni nei commenti del post.

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Shares