Ciclo di vita del dominio: quali sono le fasi da conoscere per evitare di perderlo?


Postato in data Agosto 8th, da Riccardo Esposito in Vita da Webmaster. No Comments

Il ciclo di vita di un dominio è un concetto base per chi inizia a lavorare in questo settore e decide di aprire un sito web o un blog aziendale. Non puoi ignorare le varie fasi (e sono diverse) di questo percorso, è importante sapere cosa succede se scade il dominio.

ciclo di vita di un dominio
Hai già rinnovato il tuo dominio?

Molti credono che la fine e la perdita di questo bene arrivi con la data di scadenza, prontamente segnalata in diverse occasioni dal provider. Di solito le email iniziano molti giorni prima della soglia ufficiale, innescando un processo di ansia che ti porta al rinnovo.

Ed è giusto che sia così, devi essere informato. Ma devi anche sapere che ci sono delle fasi in cui il dominio può essere recuperato. E altre che, invece, non lasciano scampo. Quali sono questi punti? Ecco cosa devi sapere per conoscere e gestire il ciclo di vita di un dominio.

Disponibilità completa: puoi acquistare

La fase in cui il dominio è a tua disposizione e puoi acquistarlo senza problemi. Qui hai massima libertà: il nome che ti interessa non è impegnato, anche con l’estensione che ti serve. Ad esempio .it o .com che sono le più ambite.

Nel momento in cui acquisti il dominio puoi rinnovarlo e mantenerlo per diverso tempo. Il periodo minimo è 1 anno, quello massimo 10. Di sicuro per i progetti a lungo termine può far comodo avere una registrazione a lungo periodo in modo da non avere pensieri per un bel po’ di tempo. In ogni caso alla scadenza dominio il provider manda una serie di email.

Questo per ricordare al cliente che sta arrivando il momento di rinnovare. Per qualche motivo hai dimenticato gli avvisi o hai esitato fino alla scadenza? Vediamo cosa succede.

ciclo di vita di un dominio
Ciclo di vita del dominio, clicca per ingrandire.

Per iniziare puoi dare uno sguardo a questo schema di come si articola la vita di un qualsiasi gTLD. Ricorda che ci sono diverse differenze e casi particolari, per avere indicazioni precise rispetto al ciclo di vita di un dominio con una specifica estensione devi chiedere al provider.

Da leggere: quanti caratteri può avere un dominio

Auto-Renew Grace Period: il sito è salvabile

Questa è una buona soluzione per recuperare in extremis il tuo lavoro. Il ciclo di vita di un dominio, infatti, prevede un’area di salvezza nella quale puoi recuperare la tua preziosa combinazione di lettere e numeri con la quale ti fai trovare su internet. Ma cosa accade?

Hai dimenticato di rinnovare il dominio, il sito non è raggiungibile. E le email non funzionano. Ma per la maggior parte delle estensioni il dominio sarà recuperabile e il periodo di recupero può arrivare a 45 giorni. Se vuoi recuperare il dominio devi approfittare di questa soluzione.

  • Sito: non funziona.
  • Email: non funziona.
  • Rinnovo: possibile.
  • Whois: registrar-hold.

Redemption period: puoi fare un recupero

Ancora una possibilità: il periodo di redenzione consiste in un tempo nel quale puoi recuperare un dominio scaduto pagando una penale. Che dipende dal tipo di estensione, non c’è un costo fisso. Il periodo che prende anche il nome di redemption grace period è di 30 giorni.

  • Sito: non funziona.
  • Email: non funziona.
  • Rinnovo: possibile con penale.
  • Whois: redemption period.

Pending delete: siamo alla fine del dominio

Questo è il momento in cui l’attesa per rinnovare il dominio arriva a un punto di non ritorno. Il pending delete è il momento in cui il rinnovo si trasforma in cancellazione. Questa fase ha una durata che cambia in base all’estensione, può arrivare a 5 giorni.

  • Sito: non funziona.
  • Email: non funziona.
  • Rinnovo: non possibile.
  • Whois: pending delete.

Dominio disponibile: ora si ricomincia

Una volta scaduti tutti i termini il dominio ritorna sul mercato. Quindi si ricomincia con il percorso per acquistare la combinazione migliore (a proposito, quali caratteri evitare nell’URL?).

C’è anche chi decide di usare servizi di backorder domini per prenotare e avere canali preferenziali per poi partecipare alle aste, questo vale per avere le soluzioni più interessanti in termini di nome brand e keyword nel dominio. In ogni caso devi anticipare il problema.

La soluzione migliore è quella di scegliere un provider capace di garantire avvisi costanti e puntuali, ma anche la giusta assistenza per recuperare il prima possibile domini non rinnovati.

Il ciclo di vita di un dominio è importante?

Certo. Grazie a questo processo puoi gestire il bene più prezioso per la tua identità online al meglio, evitando di perdere una proprietà che identifica il tuo brand, caratterizza l’URL che le persone usano per raggiungerti. Insomma, acquistare un dominio è il primo passo verso il successo. Ma anche rinnovarlo e recuperalo nei tempi stabiliti è importante, sei d’accordo?

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Shares