7 strumenti di Google per fare web marketing


Postato in data Luglio 22nd, da Riccardo Esposito in Vita da Webmaster. No Comments

I Google tool sono fondamentali per la tua attività di web marketing. Perché grazie a questo strumento di ricerca puoi ottenere informazioni preziose rispetto a ciò che serve veramente per la tua attività di promozione online. E ti assicuro che le opportunità a disposizione sono tante.

google tool
I migliori tool di Google.

Perché Mountain View ha tutto l’interesse di semplificare la vita delle persone che creano, ottimizzano e sviluppano siti web efficaci. Soprattutto veloci ed efficaci. Quali sono gli strumenti di marketing – gratuiti e ufficiali – che Google mette a disposizione dei webmaster?

Google Analytics per monitorare le visite

Il primo strumento che consente di migliorare il tuo lavoro di ottimizzazione: Google Analytics, vale a dire la piattaforma necessaria per scoprire quante persone arrivano sulle pagine web del sito. Però questa definizione è incompleta perché con questa realtà puoi fare molto altro.

Ad esempio hai la possibilità di monitorare il comportamento del pubblico sulle risorse più importanti. Puoi capire qual è il tempo di permanenza sulle pagine, frequenza di rimbalzo (quante persone, in percentuale, arrivano e vanno via dal sito senza visualizzare altre pubblicazione). Senza dimenticare che Google Analytics è anche uno degli strumenti centrali per monitorare il tempo di caricamento delle pagine decisive del sito.

Da leggere: come ottimizzare un articolo WordPress SEO

Search Console, il riferimento per fare SEO

Impossibile gestire un progetto web degno di questo titolo senza questo strumento Google che porta il nome di Search Console. L’ex Webmaster Tool – che è stato completamente rinnovato negli anni – ti dà la possibilità di monitorare diversi aspetti del sito web.

Come verificare il sito nella Search Console.

Cosa fare? Hai la possibilità di monitorare link interni e in entrata, dati strutturati delle FAQ, prestazioni del sito web in termini di posizionamento e CTR. Vale a dire click-through rate.

Questa sezione è ricca di dati perché è lo strumento SEO ufficiale che consente di avere dati concreti sulle keyword più importanti del sito con relative visite in termini di click sul motore di ricerca. Nella Search Console puoi avere anche notifiche rispetto a penalizzazioni.

Google Trends, scopri le tendenze di ricerca

Questo è un pozzo di conoscenza per creare contenuti utili. In sintesi, Google Trends consente di scoprire come cambia la ricerca nel tempo. Quindi è chiaro che puoi tranquillamente iscrivere il tool in questione tra i migliori amici di chi si occupa di scrittura e SEO.

Mobile Test, Google tool per il tuo sito web

Un portale di successo deve essere perfetto dal punto di vista della navigazione su cellulare. Questo perché la diffusione dell’uso dei dispositivi come smartphone e tablet è sempre maggiore, e Google ha dichiarato più volte la necessità di avere un sito web mobile friendly.

google tool
Mobile Test di Google: ecco i risultati.

Per motivi diversi, in primo luogo per dare maggior qualità alla fruizione dell’utente. Poi c’è anche l’inserimento di questo segnale nei fattori di ranking. Per valutare la bontà del lavoro puoi usare il Mobile Test di Google, sempre puntuale nel definire dettagli per migliorare il sito.

Operatori di ricerca: controlla il tuo sito web

Ottima soluzione per verificare una serie di elementi che possono fare la differenza. Gli operatori di ricerca sono uno strumento gratuito, potente e subito disponibile a chi deve recuperare informazioni di un sito. Ad esempio, perché il blog non si vede su Google?

La prima verifica che deve essere fatta è quella del site: insieme all’URL per scoprire se c’è o meno l’indicizzazione del sito o di una pagina. Ancora, puoi individuare tutte le pagine di un sito che affrontano un determinato argomento? Usa l’operatore site:http://esempio.it inurl:keyword per avere la lista di pagine che hanno nell’indirizzo una parola chiave. In realtà esistono diversi operatori avanzati, li puoi scoprire nella sezione ufficiale del motore di ricerca.

Pagespeed Insight: come misurare la velocità

Concentriamoci su uno strumento decisivo per chi vuole creare un sito web realmente efficace: il Pagespeed Insight, Google tool dedicato alla possibilità di tracciare i vari elementi che frenano il buon caricamento della pagina presa in esame. In questo modo è possibile intervenire e ottimizzare ciò che serve per velocizzare il caricamento della pagina.

Pagespeed Insight
I risultati di Pagespeed di My Social Web.

Perché è così importante operare in questa direzione? Le persone amano siti web veloci. Le persone non vogliono aspettare 5 secondi per leggere un contenuto, e questo è un dato che viene registrato anche in termini SEO. Google, infatti, ha inserito da tempo la velocità del sito come fattore di ranking. E uno dei fattori più influenti per ottimizzare è la qualità dell’hosting.

Google Lighthouse, audit completa online

Il passaggio successivo per ottimizzare la velocità del sito? Affrontare l’analisi del portale attraverso una prospettiva ampia. Per fare ciò puoi usare Google Lighthouse, piattaforma di Mountain View che ti dà la possibilità di analizzare il sito web sotto tutti i punti di vista.

Ad esempio puoi avere dati precisi rispetto all’accessibilità, all’ottimizzazione SEO e, ovviamente, alla velocità di caricamento delle pagine web. La precisione con la quale opera questo Google tool è spettacolare, per questo ti consiglio di avere sempre a portata di click.

Da leggere: cos’è e a cosa serve il robots.txt

Google tool, tu quale usi per il tuo sito?

Questa è solo una selezione dei migliori strumenti che puoi usare per migliorare i tuoi progetti online? Ricorda che è proprio grazie al contributo di Google che puoi ottenere buoni risultati. Io ti lascio i miei suggerimenti, però aspetto i tuoi consigli nei commenti, come sempre.

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?

Latest posts by Riccardo Esposito (see all)





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Shares