Come trovare un dominio libero


Postato in data Luglio 1st, da Riccardo Esposito in Vita da Webmaster. No Comments

I domini liberi sono il punto di partenza per ogni progetto che si rispetti. Quando decidi di creare un sito web o un blog aziendale, magari un ecommerce o un forum, hai bisogno di diversi elementi. Come, ad esempio, un template per l’aspetto estetico e un hosting.

domini liberi
Cerca i tuoi domini liberi.

Ma prima di tutto viene il domino web, combinazione di lettere e numeri che i rende identificabile su internet con un indirizzo unico. Mai uguale. Il dominio spesso viene preceduto dalla classica sigla www e si chiude con il primo livello, l’estensione nazionale o generica.

Appare logico pensare che la scelta debba essere in linea con le esigenze del brand e gli obiettivi del progetto. Quindi, come e dove trovare domini liberi? Ecco le soluzioni.

Cos’è un dominio web: caratteristiche

Prima di dare informazioni precise sul come trovare un dominio libero è giusto approfondire il tema: di cosa si tratta? Con questo termine s’intende la stringa di testo, solitamente molto breve e composto da circa 10 lettere o numeri, che si sceglie per dare un indirizzo unico al proprio lavoro online.

Contando da destra verso sinistra, di solito si lavora con domini di primo livello, vale a dire le estensioni. Poi ci sono quelli di secondo e terzo livello. Quest’ultime soluzioni vengono usate per aprire sezioni specifiche di siti web più grandi (tipo rai2.ra.it) o messe a disposizione da chi consente di creare siti web gratis. Diventa normale, quindi, scegliere prima di tutto il dominio di secondo livello con relativa estensione.

Per approfondire: acquistare un nome dominio efficace

Ci sono regole da rispettare?

Puoi usare tutte le lettere dell’alfabeto (a-z) e i numeri (0-9). L’unico segno ammesso è il meno (-), niente punteggiatura e spazi vuoti. Per i domini .it non è possibile registrare nei primi 4 caratteri la combinazione xn--. Qual è la lunghezza di un dominio? La lunghezza del .it deve essere compresa tra 3 e 63 caratteri. Per le altre estensioni siamo a un minimo di 2.

Come trovare domini liberi su internet

Questa è la fase più importante: acquistare la soluzione adatta a te, ma prima la devi individuare. In che modo? La soluzione più semplice: vai su un provider e cerca la combinazione che preferisci. A questo punto puoi avere le disponibilità immediate e acquistare i domini liberi da associare ai diversi hosting. Ecco un esempio preso dal portale Serverplan.

domini liberi
Scegli il dominio libero.

Se la spunta è arancione il dominio non è disponibile, in verde hai le combinazioni libere. Le selezioni e procedi con l’acquisto. Il dominio non è disponibile? Forse devi valutare estensioni differenti da quelle più comuni. Ad esempio puoi dare uno sguardo alle nuove estensioni che danno notevoli possibilità di manovra se il TLD che vuoi non è disponibile.

Per lavorare su ipotesi differenti prova www.namemesh.com, è perfetto per trovare nuove idee. In ogni caso hai un’altra occasione prima di accontentarti. Puoi usare un Whois per trovare il proprietario e provare a fare un’offerta economica per acquistarlo. Sarà una bella contrattazione, ma se accetta puoi procedere con il trasferimento dominio. In ogni caso è una questione di tempo: non aspettare, prenditi un vantaggio sulla concorrenza.

Regole per scegliere un dominio libero

Il fatto che sia disponibile non vuol dire che debba essere acquistato. Infatti il nome dominio è un elemento decisivo del tuo progetto web, quindi prima di confermarlo devi rispettare una serie di regole che riguardano il tuo brand e la funzionalità del sito web. Il dominio deve essere:

  • Breve e comunicativo.
  • Facile da ricordare e scrivere.
  • Semplice da pronunciare.
  • Senza doppi sensi.
  • Legato al tuo progetto.
  • Se possibile usa delle keyword.

Il punto è delicato. Spesso si va alla ricerca di EMD tra i domini liberi. Vale a dire exact match domain, combinazioni di keyword che combaciano con una query precisa. Sono realtà veramente indispensabili? La presenza di keyword che descrivono il tuo ambito di lavoro è importante, ma tutto deve essere contestualizzato. Io preferisco lavorare sul nome brand.

O magari sul classico dominio con nome e cognome che funziona sempre per i progetti professionali che chiamano in causa la reputazione online del singolo individuo.

Quale estensione (TLD) puoi preferire?

Anche se hai rispettato tutte le regole per trovare e scegliere domini liberi hai ancora una scelta da affrontare: quale top level domain preferire? Sto parlando dell’estensione, l’ultima sezione del dominio. La scelta ideale: per progetti geolocalizzati puoi usare i top level domain nazionali, tipo il .it per l’Italia. Mentre per progetti commerciali puoi acquistare il .com.

Che appunto sta per commercial e viene usato per tutti i settori e le aziende. In realtà con i nuovi domini puoi preferire molte estensioni che comunicano con precisione il tuo settore (tipo .blog, .photo) eliminando così molti problemi relativi alla disponibilità di determinati domini.

Da leggere: differenza tra dominio e hosting

Tu come trovi e scegli i domini liberi?

Questa necessità è importante per chi decide di iniziare un nuovo progetto web. Scegliere tra i migliori domini liberi non è facile, soprattutto se hai in mente una determinata combinazione per presentare il tuo progetto online. Hai bisogno di qualche indicazione precisa su come acquistare un dominio? Lascia nei commenti le tue necessità nell’acquisto del servizio.

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?

Latest posts by Riccardo Esposito (see all)





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Shares