5 motivi per creare un sito web


Postato in data Maggio 9th, da Riccardo Esposito in Vita da Webmaster. No Comments

Perché creare un sito internet? La domanda può sembrare banale perché tutti credono di sapere e conoscere i vantaggi di avere un portale personale. Ma è così? A chi serve il sito web?

Perché creare un sito internet
Perché hai bisogno di un sito web?

A un’azienda sicuramente, in questo modo può farsi trovare dalle persone che cercano il nome online. E ha la possibilità di comunicare tutte le informazioni attraverso una fonte ufficiale? No, non puoi usare Facebook come sito web: devi avere un dominio per accogliere i clienti.

Lo stesso vale per un libero professionista che deve farsi trovare, ma non sono questi gli unici soggetti che hanno bisogno di un lavoro del genere. Ci sono anche associazioni, organizzazioni senza scopo di lucro, dipendenti che curano la propria identità.

Tante sono le figure che hanno bisogno di una presenza online. Ma perché creare un sito internet? A cosa serve? È importante? Ecco 5 motivi per attivare un portale di proprietà.

Farsi trovare da chi ti sta cercano sul web

Questo è il primo motivo per affrontare chi chiede perché creare un sito internet: per fare in modo che le persone, cercando il tuo nome privato o aziendale, trovino una fonte ufficiale. Vale a dire un luogo virtuale con informazioni chiare su chi sei, dove ti trovi e cosa proponi.

Le persone cercano il tuo brand su Google? Lo trovano? C’è una probabilità molto alta (non parlo di certezza perché ci possono essere casi singolari) di avere una buona visibilità nella serp quando acquisti un dominio con il tuo nome e crei un sito web di qualità.

Non è detto che ci sia la prima posizione, dipende anche da eventuali casi di omonimia con altre realtà, ma se vuoi dare concretezza e affidabilità questo è il primo passo: aprire un sito.

Da leggere: come valutare un portale online

Con un sito web inizi a costruire autorevolezza

Lasciatemi approfondire questo punto. Perché creare un sito internet? Oltre al farti trovare su Google e ottenere visibilità quando cercano il tuo nome, con un website di qualità puoi dare il via a quel lavoro complesso di costruzione di un’autorevolezza online che ti permetterà di avere grandi benefici. Ma devi seguire una serie di regole per incassare il miglior risultato.

Ad esempio devi mettere da parte l’idea di creare un sito web gratis, magari con dominio di terzo livello. Inoltre devi rispettare i principali parametri per assicurare una buona user experience come il design curato e responsive, una velocità di caricamento rapida, presenza di certificato SSL e assenza di pubblicità invadente. Vuoi dare un’idea di professionalità?

Hai bisogno di un prodotto superiore. Ecco perché creare un sito internet è a pagamento, non puoi accontentarti di un portale scadente. Sarebbe lo specchio della tua attività e non puoi permetterti questo passo falso. Quando un potenziale cliente sente parlare di te cerca il tuo nome, trova il sito e tu lo devi accogliere in un luogo progettato per essere esaustivo, sicuro, chiaro, affidabile. Questo avviene anche grazie all’acquisto di un hosting di qualità.

Proteggere il proprio nome da concorrenti

Nel momento in cui ci sei, hai acquistato la tua posizione nella pagina dei risultati di ricerca, puoi parlare con una voce tua. Autorevole. Senza sito web sei muto ma, soprattutto, indifeso contro la concorrenza. Che non deve per forza ignorare il fatto che il sito web sia assente: un competitor può anche acquistare il dominio e mantenerlo fermo, bloccato, immobile.

Ciò significa che tu non puoi usarlo per i tuoi affari. Oggi magari non sei interessato ma cosa farai quando verrà il momento in cui ci sarà bisogno di quel dominio? A chi lo chiederai, al competitor? Magari può fare un redirect al suo sito oppure creare un portale per confondere chi cerca il tuo brand. Le alternative sono tante, non sempre facili da affrontare.

Anche se non vuoi creare subito il sito web (forse non è il momento giusto) è sempre una buona idea avere i domini con le principali estensioni del proprio nome o brand.

Posizionarti su Google per più parole chiave

Esatto, il sito web è importante perché ti consente di innescare un processo di inbound marketing. Così ti fai trovare dalle persone nel momento in cui hanno realmente bisogno di te. E non quando ti cercano per nome e cognome. Ben inteso, anche questo è importante.

Ma non avviene subito, magari all’inizio nessuno ti conosce quindi non esiste il tuo nome nella testa delle persone. Ma puoi iniziare a far scoprire il tuo brand se insieme al sito apri un blog. Vale a dire un diario online capace di creare e pubblicare articoli che vanno oltre i contenuti commerciali: rispondono alle domande del pubblico, dei potenziali clienti.

Così ti posizioni per query informazionali (che sono la maggioranza), intercetti potenziali clienti e aumenti i profitti. Questo almeno è il piano, nella realtà le difficoltà aumentano ma tutto ciò è possibile solo se la smetti di chiederti a chi serve un sito e apri il tuo portale.

Con un sito web puoi iniziare a fare advertising

Per la pubblicità online non devi per forza avere un portale. Ma da questo punto inizia un percorso professionale che ti porta ad affrontare il lavoro di sponsorizzazione con un’ottica differente. Sul sito, ad esempio, puoi creare delle landing page. Vale a dire delle sezioni pensate per un determinato prodotto o servizio che servono a trasformare i visitatori in clienti.

A questo punto puoi creare delle campagne su Facebook o Google Ads (ex AdWords) e promuovere queste sezioni in modo da portare utenti profilati verso delle realtà che possono ottimizzare le conversioni. Questo può avvenire senza un sito? Credi veramente?

Difficile, io non conosco alternative. Se vuoi sfruttare sul serio il tuo lavoro online e aumentare il fatturato con il web marketing questa è una delle strade più conosciute e utili.

Da leggere: come attivare una pagina su WordPress

Perché creare un sito internet secondo te

Io ho lasciato il mio punto di vista diviso in sezioni. Qui trovi i vantaggi per chi decide di investire parte della propria attività nella creazione di un’entità digitale, una rappresentazione del proprio essere azienda, organizzazione, partita IVA, professionista. Secondo te a cosa serve un sito internet? Tu hai la risposta? Lasciala nei commenti domande, esperienze, opinioni.

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?

Latest posts by Riccardo Esposito (see all)





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Shares