Come eliminare una pagina WordPress


Postato in data Gennaio 7th, da Riccardo Esposito in Wordpress. No Comments

Questa è una richiesta sacrosanta per chi lavora con un blog o un sito web e ha bisogno di mettere ordine nella propria attività editoriale. Per questo oggi voglio spiegare come eliminare una pagina WordPress o un articolo dal diario online creato con questo CMS.

eliminare una pagina WordPress
Vuoi cancellare una pagina web?

Cancellare un post può essere l’operazione necessaria per togliere un contenuto che non ha più motivo di esistere, in qualche caso per evitare problemi (se dà fastidio o lede i diritti di altre persone) o solo per risparmiare crawl budget.

I motivi per lavorare in questa direzione sono tanti. Ma prima di prendere una decisione devi capire cosa comporta la scelta. Come eliminare una pagina WordPress di un blog o un sito?

Perché vuoi cancellare una pagina dal sito?

Per capire come eliminare una pagina da WordPress devi fare prima un’analisi delle motivazioni che ti portano a lavorare in questa direzione. Perché magari prima puoi pensare di nascondere le pubblicazioni, togliendole dal menu di navigazione per non farle vedere al pubblico.

In alternativa puoi cancellare le pagine da Google con una richiesta che ha come risultato l’oscuramento immediato ma non definitivo dalla serp. Così puoi capire come muoverti, se lasciare che in seguito la pagina venga ripresa o cancellarla. Questa operazione può essere legata anche a una necessità legale. Tipo se hai pubblicato un articolo denigratorio.

Oppure può essere collegata a un’obsolescenza delle informazioni contenute nella pagina. Prima di cancellare, puoi prendere in considerazione l’idea di aggiornare ciò che hai pubblicato.

Da leggere: cosa fare se un sito non appare su Google

Cosa fare prima di togliere una risorsa dal sito?

Un paio di domande sono d’obbligo. Cancellare una pagina dal blog WordPress è un’operazione semplice ma può portare a conseguenze anche catastrofiche.

Il motivo riguarda l’user experience ma anche la SEO. Detto in altre parole, la pagina che vuoi eliminare ha un valore specifico? Per rispondere a questa domanda devi capire se:

  • C’è traffico di qualità, persone che arrivano e navigano.
  • La pubblicazione si posiziona su una o più query.
  • Il sito riceve link di qualità attraverso quella pagina.
  • La risorsa rappresenta un nodo di navigazione importante.

Questi punti possono fare la differenza quando devi decidere se cancellare o meno una pagina. Se quest’ultima riceve buoni link vuol dire che dà valore al progetto, lo stesso vale per il posizionamento: se la cancelli perdi i vantaggi ricevuti. Lo stesso vale per il traffico.

Quindi, prima di procedere assicurati che la pubblicazione sia inutile. Capita con i post temporali come gli auguri di Natale o le offerte: passato il periodo di visibilità il post cade nel dimenticatoio e con le giuste cautele può essere cancellato.

Come eliminare una pagina WordPress

L’operazione per cancellare una qualsiasi risorsa (risorsa fissa, articolo, categoria, tag) è abbastanza semplice: basta andare nella pubblicazione e cliccare sul tasto del cestino. In questo modo il lavoro viene messo offline, ma è ancora reperibile delle bozze.

Cancella la tua pagina.

Ciò significa che se vai nella cartella del cestino trovi ancora il vecchio articolo o la pagina che hai eliminato. Così se hai sbagliato o ci ripensi puoi rimettere le cose a posto. In alternativa puoi svuotare il cestino e perdere tutto. Ma cosa succede dopo?

Errore 404: correggere o lasciar assorbire?

Uno dei problemi tipici tra i webmaster è la gestione degli errori 404: quando Google torna a scansionare la pagina che corrisponde a un URL indicizzato trova un problema. Ovvero l’assenza di ciò che in passato è stato pubblicato.

Questo punto viene registrato dal motore di ricerca, ma non è per forza un male: se quella risorsa non esiste più va bene che ci sia questo codice. L’importante, lato utente, è che sia gestito da una buona pagina 404 per portare verso la giusta navigazione.

Soluzione diversa se, per caso, la pagina eliminata ha un traffico interessante o rappresenta l’evoluzione di un nuovo contenuto. Ad esempio, se ho due articoli che affrontano lo stesso argomento, cannibalizzandosi a vicenda, posso farli confluire in un’unica pagina.

Quindi cancelli quello che si posiziona peggio per poi fare il redirect 301 sul nuovo. In questo modo cancello ed evito che la pagina finisca in 404 facendomi perdere visite e traffico.

Quindi, in qualche caso puoi lasciare la pagina cancellata in 404, in altri puoi effettuare un redirect sulla risorsa migliore (non sempre verso la home page) e in altri puoi usare un codice di risposta 410. Vale a dire risorsa eliminata per sempre.

Google non è drammatico nel fare differenza tra queste due realtà, ma se vuoi comunicare con precisione e far assorbire nel modo migliore la modifica al motore di ricerca questa è la strada.

Effettuare un redirect e gestire la pagina 404

Due sono le soluzioni quando decidi di cancellare una risorsa web: la puoi lasciare con errore 404, magari inviando una segnalazione 401 per far presente che la risorsa è andata.

Oppure fai un ottimo redirect 301 per portare crawler e persone altrove. Nel primo caso devi creare una pagina 404 all’altezza della situazione, quindi con una serie di elementi:

  • Link alla home page.
  • Form di ricerca.
  • Collegamenti a principali risorse.

Per il redirect 301, invece, puoi scegliere due soluzioni: operi via htaccess e crei dei codici manuali per dirigere vecchie e nuove risorse, oppure lavori con un plugin WordPress.

Come effettuare un redirect
Come eliminare una pagina WordPress: fare un redirect.

Io mi trovo bene con Redirection, estensione per effettuare i redirect capace di gestire non solo i reindirizzamenti ma qualsiasi code status HTTP, come il 410. Se non hai grande competenza con il codice e la gestione del lavoro da webmaster questa è la soluzione.

Da leggere: come funziona l’FTP e a cosa serve

Come eliminare una pagina WordPress

Come puoi ben immaginare non si tratta solo di premere un pulsante: cancellare una risorsa da un sito web o da un blog vuol dire, in molti casi, cambiare struttura di un progetto.

In altri significa liberare le risorse da un peso. In ogni caso prima di cancellare devi valutare: mai svolgere un’azione del genere a cuor leggero, non credi? Lascia la tua idea nei commenti.

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?

Latest posts by Riccardo Esposito (see all)





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*