Che differenza c’è tra WordPress.org e WordPress.com 


Postato in data ottobre 25th, da Riccardo Esposito in Generale. No Comments

Questa è una delle domande tipiche di chi arriva alla consapevolezza di creare un sito web o un blog: qual è la differenza tra WordPress.org e WordPress.com? Sei anche tu in questa situazione e vuoi una risposta semplice ed efficace? Te lo dico subito, è scritto qui.

Che differenza c'è tra WordPress.org e WordPress.com

La differenza tra WordPress.org e WordPress.com.

WordPress.org è il sito web ufficiale di questo CMS (content management system) dal quale puoi scaricare l’applicazione che ti servirà per impostare il tuo progetto personale, personalizzabile al 100%. WordPress.com, invece, è un servizio per generare un blog gratis.

Con una serie di limitazioni ma che puoi (in parte) superare acquistando dei servizi extra. Tutto chiaro? Se vuoi saperne di più continua a leggere per approfondire il tema.

Cos’è WordPress: definizione e spiegazione

Prima di capire la differenza tra WordPress.org e WordPress.com è giusto dare una definizione chiara del fulcro del topic. WordPress è un CMS, content management system, per gestire i contenuti online e creare un sito web attraverso un’interfaccia amichevole, comprensibile.

Quest’applicazione è particolarmente indicata per ottenere blog e siti web semplici, anche se grazie a una serie di estensioni (i famosi plugin) è possibile ampliare all’infinito le capacità del CMS. In effetti WordPress è la realtà più diffusa del web proprio per questo: unisce la grande semplicità d’uso con i buoni risultati in termini estetici e SEO.

Puoi fare tutto con la creatura di Matt Mullenweg ma sono nati diversi siti di blogging gratuiti – con servizi extra a pagamento – che usano questo gestore di contenuti come base. Ecco che si manifesta la divergenza tra queste entità che spesso si confondono.

Per approfondire: qual è la definizione di robots.txt

Differenza tra WordPress.org e WordPress.com

Con un sito che prende come riferimento il CMS scaricabile su WordPress.org puoi fare tutto. Hai a disposizione un gestore di contenuti gratuito che puoi personalizzare sia con il codice che con i plugin. Hai accesso all’FTP e puoi essere padrone del tuo progetto.

wordpress gratis

Nella home page di WordPress.org le indicazioni sono chiare.

Però devi acquistare un dominio di secondo livello (wwwdominiodisecondolivello.it) e un servizio di web hosting per caricare l’applicazione e i contenuti che mostrerai nelle pagine.

I vantaggi di WordPress.org

In pratica hai bisogno di un indirizzo unico, esclusivamente tuo, e di uno spazio su un server. La spesa è bassa per un progetto personale, ma molte persone hanno paura delle procedure per caricare il CMS. Capita anche a te? Hai paura di fare donni con l’installazione?

Non devi temere: molti provider offrono un servizio di hosting con WordPress preinstallato in Italiano. Anche Serverplan può aiutarti in questo caso, dai uno sguardo al nostro servizio.

 

Una volta attivato il blog (bastano pochi click con il servizio descritto) puoi scegliere il tema e iniziare a strutturare il blog o il sito web. Puoi lavorare sull’ottimizzazione SEO e installare plugin come WordPress SEO by Yoast e tante altre applicazioni: sei, in pratica, padrone del sito web.

La differenza con WordPress.com

Con WordPress.com ti iscrivi a un servizio proprietario della Automattic, sempre proprietaria di Matt Mullenweg, che ti dà la possibilità di creare un blog a costo zero.

Qui è tutto gratis. Solo che hai una serie di limiti importanti. Ad esempio devi usare un dominio di terzo livello (www.dominioditerzolivello.wordpress.com) e non puoi caricare plugin.

Non puoi accedere al codice HTML delle pagine e apportare tutte le modifiche che vuoi. Perché il blog che crei su WordPress.com non è tuo, non ti appartiene fino in fondo.

Quindi WordPress è gratuito o a pagamento?

Su WordPress.com puoi avere un blog gratis in 5 minuti. Ma sarà difficile passare a qualcosa di più, se il tuo progetto cresce diventa un problema scegliere una soluzione personalizzabile.

wordpress.com pagamento

C’è qualcosa da pagare anche su WordPress.com

Puoi acquistare dei servizi extra (ad esempio il dominio di secondo livello) ma il costo è superiore rispetto a quanto ti costerebbe effettuare questo servizio in proprio. Magari con un dominio comprato su un provider di fiducia come puoi fare su Serverplan.

Con il CMS di WordPress.org hai un prodotto che deve girare su uno spazio hosting e ha bisogno di un dominio. Due servizi che si pagano. Ma che ti danno massima libertà.

Da leggere: cos’è e come funziona l’htaccess

Conviene WordPress.com o WordPress.org?

Come si dice, dipende. Se vuoi un blog gratis e subito puoi tentare la strada WordPress.com. Io però non sono d’accordo con questa soluzione perché non ti dà la libertà necessaria per crescere. Non è solo una questione ideologica ma pratica: se hai paura di fare danni e non sai accedere a FTP puoi sempre acquistare un hosting e usare il servizio WordPress preinstallato. 

Gli aggiornamenti sono automatici, c’è il backup giornaliero. Se hai un’assistenza buona alle spalle puoi risolvere ogni problema con un ticket. E poi c’è sempre l’opzione webmaster freelance: il sito web è un investimento, ti permette di guadagnare online e di trovare clienti.

Se hai bisogno di un contributo extra puoi sempre chiedere a un professionista di assisterti per risolvere un dubbio o fare una modifica. Insomma, io sono per WordPress.com. E tu?

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Shares