Gestione utenti WordPress: ruoli e permessi


Postato in data ottobre 11th, da Riccardo Esposito in Wordpress. No Comments

Quali sono i permessi utenti WordPress e soprattutto a cosa servono? Quando lavori con un blog aziendale, oppure hai un diario personale e decidi di trasformarlo in magazine, questo è un punto da prendere in considerazione per ottenere il miglior risultato possibile.

permessi utenti WordPress

Come gestire gli utenti del tuo blog.

Sai bene che la presenza di più autori su un blog può essere un problema, ma anche una risorsa. Non puoi fare tutto da solo se hai un grande progetto da gestire. La piattaforma multiautore è una soluzione utile per i tuoi scopi ecco perché devi ragionare a fondo sulla gestione dei permessi utenti WordPress. Da dove iniziare? Da una definizione.

Cosa sono i permessi utenti WordPress?

Prima di comprendere come gestire i ruoli sul blog è utile capire di cosa stiamo parlando per approfondire e contestualizzare. Allora, i permessi utenti WordPress sono delle restrizioni che consentono all’amministratore di accettare o meno determinate azioni nel momento in cui una persona si trova nella dashboard.

Il backend è un po’ come casa. Se ospiti tuo fratello lasci le porte aperte dato che ti fidi, se ci sono degli amici di lunga data magari chiudi l’ingresso della lavanderia perché non vuoi che veda la biancheria sporca. Se porti dei perfetti sconosciuti in casa non vai oltre il salotto.

La metafora è utile per far capire l’utilità dei ruoli e permessi su questo CMS. Non sempre le restrizioni riguardano una questione di fiducia, spesso vuoi semplificare la vita ai collaboratori che devono concentrarsi solo su determinati aspetti del lavoro.

Oppure sai che alcuni personaggi sono poco pratici con WordPress quindi hai paura di ritrovarti con il blog offline o con qualche plugin disinstallato. Insomma, i motivi per creare utenti personalizzati sono tanti. Ma la procedura è semplice, scopriamola insieme.

Da leggere: come ottimizzare il permalink del blog

Quali sono i ruoli e cosa possono fare?

Di base trovi 5 profili che puoi scegliere per i collaboratori. Particolare attenzione viene data all’amministratore che è, in pratica, il padrone di casa. Poi si scende nella gerarchia fino ad arrivare al subscriber. Vediamo nel dettaglio questi profili con relative competenze:

  • Amministratore – Può modificare il blog in ogni aspetto, compreso il codice.
  • Editore – Il suo compito si limita ai contenuti del sito, ma solo a quelli.
  • Autore – Ha pieni poteri sui suoi contenuti e non su tutti.
  • Collaboratore – Può creare e variare articoli ma non pubblicarli.
  • Sottoscrittore – Gli vengono notificate le pubblicazioni e basta.

Chiaro, l’amministratore è un ruolo delicato e devi gestirlo con cura. Soprattutto devi evitare che ci siano amministratori inutili sul tuo blog, se ci sono delle voci di servizio per collaboratori che non sono più necessari meglio eliminare porte di accesso superflue.

Posso aggiungere o personalizzare ruoli?

Ho appena elencato i principali profili che puoi attivare su questo CMS, ma devi prendere coscienza del fatto che puoi fare qualcosa in più. Ad esempio è possibile personalizzare i ruoli e dare delle libertà in più a chi ha diritto ad ampliare il proprio raggio d’azione. Un esempio?

aggiungere e personalizzare ruoli

Qui puoi personalizzare i tuoi ruoli.

Guarda l’immagine in alto, è presa dalla pagina di User Role Editor. Come puoi vedere le possibilità offerte da quest’estensione sono ampie, puoi personalizzare le azioni conferite agli utenti nei minimi dettagli. Senza dimenticare che alcuni plugin aggiungono nuovi ruoli, come lo shop manager di Woocommerce e il SEO editor di Yoast.

Gestione ruoli degli utenti sul tuo blog

La prima fase della definizione dei permessi avviene nel momento in cui crei un nuovo utente. Per fare questo basta andare nella dashboard e seguire una procedura elementare: vai sulla voce Utenti e poi su aggiungi nuovo. A questo punto avrai una schermata per i dati.

permessi utenti wordpress

Qui puoi organizzare i permessi utenti WordPress.

Attenzione, hai un menu a tendina che ti suggerisce di indicare quale permesso conferire al nuovo utente. Basta andare su questo menu e scegliere la soluzione che preferisci. A questo punto il gioco è fatto, il nuovo blogger potrà fare solo ciò che tu hai deciso per lui.

Modificare permessi utenti WordPress

Una volta indicata questa soluzione non puoi più tornare indietro? Assurdo, non è così. Basta andare sempre nella voce dedicata agli utenti e raggiungere la lista delle persone che hanno accesso al blog. Nella pagina per correggere i parametri trovi lo stesso menu a tendina così puoi cambiare il ruolo, però avvisa prima il proprietario del profilo dell’operazione.

Da leggere: come personalizzare il footer di un sito o di un blog

Gestione utenti registrati: domande?

Mi sembra ovvio, questo è un argomento importante per chi deve organizzare un grande progetto. O semplicemente vuole ospitare dei guest blogger lasciando spazio al proprietario del testo per inserire, formattare e mutare il lavoro. Senza però mettere in pericolo la base.

Insomma, qui trovi una serie di indicazioni utili per gestire i permessi utenti WordPress, adesso lascio a te la parola: quanti amministratori ci sono sul blog? Hai deciso di fare un po’ di pulizia? Vuoi cancellare un profilo o cambiare permessi ma non sai come fare? Lascia le tue domande.

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*