WordPress 4.9.6: tutte le novità dell’aggiornamento (anche sul GDPR)


Postato in data maggio 21st, da Riccardo Esposito in Wordpress. 9 comments

Lo stavamo aspettando da un po’ di tempo, vero? Il nuovo aggiornamento del CMS più diffuso del web è disponibile per tutti: ecco WordPress 4.9.6, un passaggio che viene presentato come un passo in avanti rispetto a tematiche come la privacy e la sicurezza.
WordPress 4.9.6
Hai capito bene, e immagino che tu abbia già letto qualcosa sull’argomento. C’è molta attenzione intorno al topic del trattamento dei dati personali, ma il rapporto tra GDPR e WordPress non si traduce con la semplice installazione di un’estensione. Il CMS ha promesso delle integrazioni in termini strutturali, vediamo cosa offre per facilitarci la vita.

GDPR e Privacy: la risposta di WordPress

Il regolamento sulla protezione dei dati stilato dall’Unione Europea (GDPR) entra in vigore il 25 maggio. Tutto questo cosa significa? Proviamo a fare una sintesi: il GDPR richiede alle società e ai proprietari di siti di essere trasparenti su come raccolgono, utilizzano e condividono i dati personali.

Implementa, in altre parole, le possibilità di scelta in merito al modo in cui i loro dati personali vengono raccolti, utilizzati e condivisi. Inoltre si applica a tutti i siti e le attività commerciali online che raccolgono, riportano ed elaborano dati personali sui residenti dell’Unione Europea. Questo indipendentemente dalla posizione geografica dell’attività. Ecco perché la nuova versione di WordPress ha degli strumenti in più per agevolare i webmaster nel (complesso) lavoro di adeguamento.

Da leggere: i migliori plugin WordPress per GDPR

Casella dei commenti: memorizzare i dati

Ai lettori che vogliono commentare verrà data una scelta: evitare o permettere che nome, e-mail e sito web vengano salvati sul browser. Queste informazioni sono registrate localmente nel browser di chi lascia il commento per due scopi:

  • Quando lasciano un altro commento i campi saranno precompilati.
  • Possono tornare sul post e rimuovere il commento prima che sia approvato.

Le informazioni riportate in questo cookie sono una semplice comodità, non sono essenziali. Al visitatore deve essere data la possibilità di attivare o disattivare la memorizzazione dei dati. Ecco perché è stata aggiunta una casella di controllo al modulo di commento che consente di cliccare sull’opt-in per fissare questi dati nel cookie.

WordPress 4.9.6

Qui puoi esprimere le tue preferenze.

Attenzione. Questa casella di controllo sarà deselezionata per impostazione predefinita, poiché l’attivazione è un’azione che l’utente deve approvare esplicitamente.

Creare una pagina privacy policy predefinita

Partiamo da un punto chiaro: la combinazione migliore è sempre quella tagliata su misura. Non esistono soluzioni preconfezionate. Ma in quanto proprietario del sito devi indicare una risorsa dedicata alla privacy che verrà visualizzata  su ogni pagina del tuo sito web.

WordPress adesso ti aiuta a creare una base di partenza su misura. Vai su impostazioni e poi sulla voce Privacy. Qui hai a disposizione una serie di istruzioni per generare una risorsa con i campi indispensabili, compreso un esempio concreto basato sulla tua realtà, sul tuo sito web. Se clicchi sul link “Dai un’occhiata alla nostra guida” trovi una serie di esempi concreti.

Gestione dei dati lasciati dal pubblico

L’attenzione viene posta sulle possibilità di gestire al meglio i dati degli utenti. Le soluzioni sono due: adesso puoi esportare un file ZIP con i dati personali raccolti da WordPress e dai plug-in partecipanti. Al tempo stesso puoi cancellare definitivamente questi dati.

gdpr

Qui puoi gestire i dati del lettore.

Per attivare questa funzione basta andare negli strumenti della dashboard. Qui ci sono due voci (cancellazione ed esportazione dati) che consentono di gestire il processo via email. Detto in altre parole, se c’è un utente che vuole cancellare tutti i dati WordPress del tuo blog puoi gestire la richiesta via CMS che si occuperà di inviare un’email al contatto che hai indicato.

Per approfondire: il comunicato stampa ufficiale di WordPress

Manutenzione ordinaria di WordPress 4.9.6

GDPR ma non solo. Oltre a questo tema è giusto ricordare gli aggiornamenti di manutenzione ordinaria (ben 95) che sono stati fatti su WordPress 4.9.6. I più importanti? Ora puoi scoprire in un attimo la versione minima richiesta per ogni plugin, inoltre l’editor TinyMCE è stato aggiornato all’ultima versione (4.7.11) in attesa del passaggio a Gutenberg con WordPress 5.0. Queste sono le principali novità di WordPress 4.9.6. Secondo te faranno la differenza?

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?




9 commenti su “WordPress 4.9.6: tutte le novità dell’aggiornamento (anche sul GDPR)

  1. Ciao, una domanda. ho fatto l’aggiornamento ma a me nei commenti non esce nessun flag. uso quelli standard di wordpress

  2. Ciao Riccardo.
    Io ho un blog personale già conforme alla regolamentazione UE dei cookie. Per soddisfare il GDPR ho deciso di eliminare il form di contatto e lasciare solamente il link diretto all’indirizzo email ed eliminare il form con la richiesta di sottoscrizione. Insomma, elimino il problema alla fonte, nel mio caso chi mi contatta lo fa solitamente direttamente via email o tramite i canali social, rari i casi di persone che hanno utilizzato il modulo di contatto. Per quel che riguarda i commenti io utilizzo Disqus che dovrebbe essere allineato o dovrebbe farlo al GDPR. Per quel che riguarda Google Analytics dovremmo essere coperti.

    • Ma sai, io credo che per un blogger le cose da fare siano semplici e limitate. I veri problemi sono per chi fa profilazione pesante e massiccia…

      • E quindi cosa bisogna fare? non vorrei cambiarlo… forse bisogna solo aspettare e vedere se sarà modificato e reso compatibile a breve? Ho scaricato anche il plugin WP GDPR Compliance ma non è servito a nulla. Grazie

        • Ciao Alessandra, purtroppo questa è la condizione comune a tutti. Difficile avere la certezza universale, per ora ogni situazione è una storia a parte.

  3. Ciao,
    ho fatto una prova di esportazione dati, ma mi dà questo errore:

    “Si è verificato un errore durante il tentativo di esportazione dei dati personali.

    Impossibile generare il file di esportazione. ZipArchive non disponibile”

    Tu hai idea di cosa voglia dire?

    Ma se dovessi aggiungere qulcosa sul server in hosting dovrei farlo da sola o esistono dei plug-in?

    grazie mille

  4. Ehi, ma questo sito non mi dà la possibilità di attivare o disattivare la memorizzazione dei dati nei commenti! E’ proprio il caso di dire che il calzolaio ha sempre le scarpe bucate…
    Ovviamente scherzo… bel post, chiaro e utile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Shares