Come aggiungere Google Analytics su WordPress


Postato in data marzo 27th, da Riccardo Esposito in Blog. 2 comments

Inserire Google Analytics in WordPress è un passaggio fondamentale per il tuo blog. In realtà questa suite è decisiva per qualsiasi progetto web. Mountain View, infatti, ha creato un vero e proprio monopolio sul tema dell’analisi dei dati. Un tempo si usavano altre piattaforme, come ad esempio Shinystat e altri contatori di visite, ma oggi l’attenzione è tutta per Google.
Inserire Google Analytics in WordPress
Il motivo è semplice: è la realtà più completa ed efficace per misurare le visite. Ma non solo, anzi: è ingiusto racchiudere Google Analytics in questa definizione. Con i dati registrati puoi monitorare praticamente tutto: frequenza di rimbalzo, pagine visitate, dispositivi, tempo di permanenza, contenuti più visitati in lassi di tempo diversi. Senza dimenticare gli obiettivi.

Esatto, gli obiettivi sono strumenti di analisi che consentono di isolare determinate metriche per metterle in evidenza in relazione a un bisogno concreto del progetto. Ad esempio, vuoi sapere quante persone arrivano sulla tua landing page? O magari come giungono o cosa fanno dopo? Puoi ottenere tutto questo con gli obiettivi di destinazione (leggi la guida per impostarli).

Ecco perché Google Analytics è un compagno inseparabile della tua strategia di blogging e di inbound marketing. Ma per chi sta muovendo i primi passi di quest’avventura le domande sono tante. Inizio dalle prime: devo inserire Google Analytics in WordPress, dove prendo il codice? Come si installa? Meglio usare un plugin per unire queste realtà? Scopriamolo insieme.

Come collegare Google Analytics e WordPress

Perché collegare il sito a Google Analytics? La risposta è chiara: in questo modo puoi registrare le visite, decidere strategie, mettere in pratica le soluzioni in termini di web design, SEO e content marketing. Perché questo è l’obiettivo, giusto? Bene, come e dove inserire Google Analytics su WordPress? Hai 2 possibilità, una più tecnica e un’altra specifica per chi vuole semplificare il lavoro. La prima è quella che ti consiglia di inserire il codice di tracciamento a mano nelle pagine del blog o del sito. La seconda, invece, lascia il lavoro ai plugin WordPress: estensioni che consentono di ottenere il risultato senza intervenire sul codice.

Molti vogliono impostare Google Analytics su WordPress senza optare per nuovi elementi, altri invece preferiscono avere una piattaforma completa nella dashboard del blog. Perché queste estensioni non si limitano ad aggiungere il codice di Google Analytics, ma offrono una serie di funzioni aggiuntive e molto interessanti. Allora, analizziamo le varie opzioni.

Inserimento manuale del codice di Google Analytics

Vuoi collegare Google Analytics con WordPress senza plugin ma aggiungendo il codice a mano? Perfetto, questa è la soluzione che preferisco perché in questo modo ottengo il risultato nel modo più pulito e semplice possibile. Per aggiungere manualmente Google Analytics a WordPress devi inserire il codice che ottieni dal tuo account personale nel file header.php.

Questo significa che devi collegarti all’account Google Analytics, andare nella sezione per ottenere il codice, copiarlo e puntare alla dashboard di WordPress. Ecco la procedura:

  1. Accedi all’account Analytics.
  2. Seleziona la scheda Admin.
  3. Seleziona un account dal menu.
  4. Seleziona una proprietà.
  5. Fai clic su Informazioni sul monitoraggio
  6. Copia il Codice di monitoraggio.
  7. Vai nella dashboard di WordPress.

Se sul CMS. Nella voce Aspetto c’è l’editor, a destra trovi il file header.php. Aprilo e incolla il codice di Google Analytics prima della chiusura del tag </header>. Salva l’operazione.

Questa soluzione consente, a un livello avanzato, di effettuare delle personalizzazioni. Ad esempio puoi suggerire di tracciare solo le visite degli utenti non loggati per evitare di falsare i dati con gli accessi del webmaster. In questo caso, però, suggerisco di inserire direttamente un filtro su Google Analytics per escludere il traffico interno di determinati indirizzi IP.

Da leggere: come creare un sito web con WordPress

Come verificare l’inserimento del codice 

Spesso c’è questo dubbio: come posso verificare l’inserimento del codice di Google Analytics? Magari non ho svolto le operazioni nel modo giusto, ma per assicurati devi semplicemente andare nella sorgente: vai su una pagina, clicca il tasto destro del mouse e vai su Visualizza codice sorgente. Nella sezione <head> dovresti trovare i riferimenti a Google Analytics.

Aggiungi Google Analytics a WordPress con plugin

Puoi anche inserire Google Analytics in WordPress con plugin che semplificano le procedure sul codice e offrono funzioni aggiuntive. Ad esempio consentono di monitorare le visite dalla dashboard. Per aggiungerli devi solo andare nella sezione estensioni e installare quella che preferisci. Ma qual è il miglior plugin Google Analytics per WordPress? Ecco la selezione.

Insert Headers and Footers plugin è semplice ed essenziale: ti permette di aggiungere stringhe di codice nell’header o nel footer. È pensato per chi ha poca confidenza con l’aspetto tecnico del blog, aggiunge il codice di Google Analytics senza modificare il file header.php.

Operazione non difficile, ma che può mettere in crisi chi muove i primi passi. Con questo plugin, però, non ci sono dubbi o incertezze. Un semplice copia e incolla risolve tutti i problemi.

Poi c’è Google analytics for WordPress di Joost de Valk, Google Analytics by Yoast per gli amici, che è stato inglobato da Google Analytics for WordPress by MonsterInsights. Questa realtà è ancora più articolata e ricca di funzioni, senza dimenticare che la versione pro (a pagamento) consente di attivare tracking per e-commerce, gestione dell’advertising e di altre situazioni.

Il miglior plugin WordPress per Google Analytics?

Questo puoi dirlo solo tu. Non c’è una scelta definitiva, ho elencato 2 plugin per esigenze differenti. Ma la mia scelta è sempre la stessa: aggiungere il codice a mano e inserire Google Analytics su WordPress senza plugin. Monitorando tutto senza filtri esterni. ma questo è un approccio, ce ne possono essere altri: gestisci il tuo blog in base alle tue necessità.

In realtà puoi inserire Google Analytics in WordPress facilmente non solo grazie ai plugin ma anche con dei temi particolari. In qualche caso, infatti, l’inserimento del codice viene agevolato da campi specifici. Un esempio su tutti? C’è il Genesis Theme che ti consente di velocizzare l’operazione: un modo semplice ed efficace per attivare Google Analytics sul tuo blog.

Da leggere: come indicizzare un blog WordPress

Come inserire Google Analytics in WordPress?

Queste sono le soluzioni migliori per iniziare a leggere i dati del tuo blog, a scoprire quante visite fai e come puoi migliorare le tue pubblicazioni. Attivare Google Analytics sul blog è il punto di partenza, poi arriva la tua attività di web writer. Ma senza dati non puoi procedere nella giusta direzione. Allora, hai qualche domanda? Lascia tutto nei commenti.

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?




2 commenti su “Come aggiungere Google Analytics su WordPress

  1. Se sul CMS. Nella voce Aspetto c’è l’editor, a destra trovi il file header.php. Aprilo e incolla il codice di Google Analytics prima della chiusura del tag

    Dove si trova questo tag?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares