Come migliorare le reader personas del blog


Postato in data luglio 7th, da Riccardo Esposito in Blog. No Comments

Il tuo blog è online. Hai acquistato un hosting e un dominio (rispettando questi punti essenziali) e adesso stai pubblicando articoli cercando di seguire la logica inbound marketing: fare in modo che siano i clienti a venire da te grazie alla qualità dei contenuti.

reader personas

Anzi, grazie alla capacità dei post di intercettare le domande dei lettori. Qui si racchiude tutto, questo è il punto decisivo per far funzionare il meccanismo: non esiste una qualità a priori. Dipende dalla capacità del tuo lavoro di rispondere a domande chiare.

Il pubblico ha bisogno di contenuti. Che siano audio, testo o video non importa: cercano qualcosa. E tu devi essere la migliore scelta possibile. Per raggiungere questo passaggio devi ragionare sulle reader personas e creare dei contenuti adatti alle singole esigenze.

Poi devi trovare il modo per migliorare questo equilibrio, per ottenere ogni giorno un risultato migliore. Sembra impossibile? Inizio dalle domande semplici.

Cosa è una reader personas?

Un modello capace di sintetizzare una fetta dei lettori. Esempio? Il tuo blog ha tre potenziali reader personas, tre idealtipi in grado di riassumere una platea più o meno vasta. In termini pratici, quante personas può avere un blog? Dipende dall’argomento, non esiste una risposta.

Le reader personas non esistono nella realtà, sono ipotesi che fai grazie a dati raccolti attraverso diverse ricerche. Ma il concetto è chiaro: servono a indicare la direzione, a spingere i contenuti di qualità verso una determinata esperienza.

Come creare le reader personas

Le reader personas nel mondo del blogging nascono grazie allo studio del target. All’interno del piano editoriale devi dedicare uno spazio a questa voce, e devi lavorare su tre strade fondamentali. La prima riguarda i dati statistici, quelli di Google Analytics e Facebook Insight. Il resto si divide in informazioni qualitative e quantitative.

Per dati quantitativi intendo le ricerche archiviate da Google. Nelle query si trova ciò che ti serve: domande e richieste di un determinato target con sfumature informative e commerciali. Quindi dirette all’acquisto.

Gli strumenti indispensabili per iniziare questo lavoro? Keyword Planner, Google Trends, Google Suggest, Ubersuggest e tool più raffinati come Semrush o Seozoom. Per gli aspetti qualitativi, invece, hai bisogno di tempo per analizzare le community. Ovvero i luoghi in cui si ritrovano i tuoi lettori che interagiscono attraverso domande e risposte.

Tutto questo deve essere definito e interpretato: io uso le mappe mentali per racchiudere intorno a un singolo profilo più caratteristiche. Poi ci sono decine di template per modellare queste informazioni e creare delle reader personas. Ecco un ottimo documento gratis per creare una reader personas. Per un lavoro professionale, invece, c’è makemypersona.com.

5 soluzioni per migliorare i modelli

Chiaro, dati qualitativi e quantitativi. Da un lato devi scavare nelle ricerche che fanno le persone (con mentalità aperta, senza cadere nella fredda logica delle keyword) e dall’altro devi studiare le community. Devi mettere in pratica un approccio etnografico, devi scendere sul campo.

Ci sono altri modi per scoprire le esigenze dei potenziali lettori? Io di solito lavoro con questi strumenti e metto in pratica le soluzioni che trovi nella lista in basso.

Google Survey

È una funzione spettacolare, puoi creare sondaggi ed elaborare i dati. L’aspetto più interessante di Google Survey? La possibilità di condividere il modulo come permalink sui social o come embedded in una pagina web. Questo è il modo più semplice e immediato per generare poll online.

Pagina consigli

Molti blogger hanno tra le pagine fisse una risorsa dedicata alle idee dei lettori. Sono delle vere e proprie call to action: hai una domanda, una curiosità, un problema? Perfetto, lascia tutto nel form. In questo modo porti a casa due risultati: trovi informazioni per raffinare le personas e idee per nuovi articoli.

Domande e risposte

Ci sono diverse realtà che lavorano con le domande e le risposte del pubblico. Niente discussioni inutili, stop alle chiacchiere: vuoi solo scoprire cosa vogliono le persone giuste.

visual

Puoi iniziare dai forum, portali dedicati a un singolo argomento che ospitano innumerevoli riflessioni, e continuare con i siti di Q&A come Yahoo Answer e Quora. Uno strumento interessante: answerthepublic.com. Questo tool crea una rappresentazione grafica (no in italiano) delle domande legate a un topic.

Gruppo Facebook

Uno dei metodi migliori per estrapolare dati? Studiare i gruppi Facebook, ma c’è una soluzione diretta e immediata: crea il tuo gruppo personale, definiscilo intorno alle necessità che ti interessano e lancia le domande per ottenere materiale.

Commenti

Qui trovi tante informazioni. Per lavorare nel blogging hai due soluzioni per studiare i commenti: cercarli singolarmente su tutte le piattaforme oppure puoi usare Disqus.

Questo tool implementa i commenti dei blog, per questo è diventato un archivio dei contenuti lasciati dai blogger. Basta fare un’analisi nella piattaforma per avere una lista dei contenuti.

Questi sono strumenti che tutti possono usare per migliorare le reader personas, hai bisogno solo di costanza. Non puoi fare blogging senza questa virtù e non puoi scoprire le caratteristiche della tua audience se abbandoni la sfida al primo colpo.

La ricerca non è mai semplice se l’oggetto in questione è così fluido. Il tuo pubblico è frastagliato, senza un volume fisico, privo di consistenza solida: si muove, si evolve, si rigenera.

Per approfondire: 5 dettagli per creare il tuo personal brand

Reader personas: la tua opinione

Non è facile ottimizzare il lavoro con le reader personas. O meglio, attraverso dei passaggi puoi ottenere delle informazioni ma hai bisogno di tempo. Questo è il punto essenziale: questi modelli devono essere fluidi, modificabili nel tempo.

Non puoi bloccarli in eterno ma devi essere pronto ad aggiungere, eliminare, modificare sempre qualcosa. Allora, sei pronto per creare e migliorare le tue reader personas? Hai qualche punto da chiarire? Ti aspetto nei commenti, come sempre.

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares