Comprare un dominio: 5 risposte per risolvere i tuoi dubbi


Postato in data giugno 30th, da Riccardo Esposito in Blog. No Comments

Oggi è l’ultimo giorno per cogliere l’offerta di Serverplan e comprare un dominio .IT a un prezzo vantaggioso. Questo è il momento giusto per dare al tuo progetto web un’identità, uno stile nuovo. O per proteggerlo dai competitor che ruotano intorno alla tua idea.

Comprare un dominio

Il dominio è il punto di partenza per la tua avventura, è il microcontenuto dal quale parte tutto: le persone ti riconoscono grazie questa stringa, ti cercano e ti condividono digitando le parole che hai individuato. Con Serverplan abbiamo lavorato sodo per chiarire tutti i passaggi e scegliere un buon dominio, anche grazie all’infografica pubblicata qualche giorno fa.

Però ci sono domande che non ti consentono di comprare un dominio con serenità. Chiaro, è una scelta che non deve essere dettata dalla fretta: è giusto prendersi qualche giorno per scegliere il nome giusto. Ma senza esagerare e cercando di arrivare a una conclusione.

Io conosco bene i tuoi problemi, li ascolto ogni giorno durante consulenze e corsi di blogging. Soprattutto chi è alle prime armi si ritrova in questi punti: ecco 5 risposte per risolvere i dubbi legati alla scelta del dominio.

Il dominio deve essere uguale al nome del blog?

Il primo cruccio che avvolge il novello blogger: dominio e nome devono essere uguali? Per forza? In questi casi non c’è una regola fissa: spesso dipende dalle disponibilità. Hai in mente un nome per la tua azienda o per il tuo progetto, ma ti hanno preceduto. Magari perché il nome comprende delle keyword che lo rendono appetitoso, competitivo.

Ecco, scegli un nome dominio differente. Avere il nome del brand in questa stringa di testo è un aspetto importante per i motori di ricerca, ma soprattutto per il valore e l’autorevolezza che comunichi al lettore.

C’è attenzione per i dettagli: le persone ti riconoscono attraverso il dominio che corrisponde alle parole dell’header. La riposta definitiva: è utile avere un dominio simile al nome del blog. Ma può essere diverso, non è un obbligo.

Meglio un .IT o un .COM?

Non esiste un meglio o un peggio: rispecchiano scopi diversi. I domini di terzo livello sono estensioni che dovrebbero dare un’indicazione sullo scopo o sulla nazionalità del progetto. Ci sono Country Code TLD (quindi con abbreviazioni geografiche) e General TLD: ogni scelta dà informazioni in più al pubblico.

Se la tua attività è basata in Italia puoi registrare il .IT, se si trova in Francia meglio usare un .FR, se è indipendente dal territorio la scelta cade sul .COM. Senza dimenticare i nuovi gTLD che permettono di registrare il tuo sito web con estensioni descrittive, tipo .CAMERA o .GURU.

Queste regole sono ancora valide? Col tempo e con la pratica del domain hacking si è persa rigidità in questi passaggi, ma una scelta ragionata è il punto di partenza per comunicare con il pubblico nel miglior modo possibile.

Per approfondire: come scegliere un dominio di primo livello

Quanto può essere lungo un dominio?

La risposta la trovi nelle FAQ di Serverplan: il dominio deve essere di minimo 3 caratteri (escluso il dominio di primo livello, i punti ed eventuali sottodomini o terzi livelli) e massimo 255 caratteri, inclusi il dominio di primo livello e i punti. Questo significa che hai molto spazio a disposizione, ma non vuol dire che debba essere usato tutto. La regola per scegliere il nome dominio è l’esatto opposto: punta sulla semplicità e sulla chiarezza.

Il dominio deve essere immediato. Non per forza striminzito, non è la sintesi che cerchi ma la capacità di chiarire cosa comunichi. Le persone devono leggere in pochi secondi il testo, lo devono capire e collegare a determinati valori. Tutto questo è possibile se scegli bene.

Come scoprire se un dominio è libero?

Basta fare una ricerca su un qualsiasi provider per avere la risposta: in fase di acquisto puoi avere tutte le opzioni libere e ottenere le informazioni delle persone che ti hanno preceduto. C’è una soluzione diversa e più rapida: www.domini-liberi.it. Questo programma ti permette di scoprire se un dominio è libero o occupato nel momento in cui digiti le parole nel campo.

Un altro tool interessante per velocizzare la ricerca di un dominio è namechk.com: ti mostra se il dominio è disponibile nelle principali estensioni e sulle piattaforme social. In questo modo puoi ottenere tutti i dati che ti servono con un’unica ricerca.

Cosa sono i DNS?

Sono delle codifiche. Associano dei numeri lunghi e difficili da ricordare, che corrispondono al tuo indirizzo online, a un nome dominio e viceversa. Detto in altre parole, le persone riescono a collegarsi al sito web quando digitano l’URL grazie a questi elementi.

Cosa sono i DNS?

Per gestire i DNS hai a disposizione un pannello che ti permette di associare gli elementi di questa combinazione. Per approfondire l’argomento ti consiglio di dare uno sguardo alla guida che ho pubblicato sul blog Serverplan: i vantaggi di una gestione completa dei DNS.

Comprare un dominio: cogli l’offerta Serverplan

Siamo agli sgoccioli. Fino al 30 giugno puoi comprare un dominio .IT a 6,99 euro invece di 13,33 euro e dare al tuo sito web o al tuo blog un nuovo indirizzo, una nuova identità. Mi sembra un buon punto di partenza per la tua avventura online, non credi? Acquista ora il tuo dominio con Serverplan.

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Shares