E-commerce in Italia 2016: un settore in crescita?


Postato in data aprile 29th, da Riccardo Esposito in News. No Comments

Qualche giorno fa ho pubblicato un articolo dedicato al mondo e-commerce, in particolar modo alle piattaforme più utilizzate per aprire uno shop online. Chi ha vinto? La soluzione è racchiusa in Woocommerce, estensione WordPress per aprire il tuo negozio partendo dal CMS più famoso del web.

C’è spazio per Prestashop e per Magento. Ma i dati della ricerca incoronano Woocommerce come soluzione preferita. Molti contatti personali, però, mi hanno fatto notare che sono dati parziali e che affrontano solo una parte del tema. Non basta descrivere le piattaforme scelte: dobbiamo analizzare altri dati per avere un quadro chiaro della situazione.

Ecco perché ho iniziato a cercare informazioni sull’universo e-commerce in Italia. Così mi ritrovo di fronte a un documento interessante: la decima edizione dello studio firmato dalla Casaleggio Associati sul mercato online nel nostro paese.

La ricerca è stata presentata il 13 aprile 2016 presso la Camera di Commercio a Milano, ed è stata condotta su un campione di 3.000 aziende (multinazionali e PMI) con sede in Italia.

Il risultato di questa indagine? Un report presentato attraverso delle slide che parlano di un e-commerce in Italia dai numeri interessanti. Qualche dettaglio in più?

Fatturato e-commerce: numeri che crescono

Nell’arco di dieci anni (2005 – 2015) il fatturato legato ai negozi online è passato da 2,1 a 28,8 miliardi di Euro. Un passaggio che ha avuto dei picchi del +58% e +43% nel 2009 e nel 2010. Negli ultimi anni la crescita non è stata brillante, ma nel 2015 il tasso è tornato a crescere.

fatturato

Come si distribuisce il fatturato degli e-commerce in Italia?

La distribuzione del fatturato rispecchia la tradizione del nostro paese, dando una grande attenzione al settore turistico. Non è questa, però, la fetta più importante: quali sono i settori nei quali si registra un buon successo dell’e-commerce? La risposta nella grafica in alto:

  • Tempo libero: 47%
  • Turismo: 30%
  • Centri commerciali: 8%
  • Assicurazioni: 6%

Quindi c’è una gran quantità di fatturato coperto dal tempo libero, in particolar modo dai giochi online. I dati che sorprendono sono quelli legati all’abbigliamento e all’editoria – senza dimenticare arredo, salute e bellezza – che rappresentano la minima parte del grafico. Forse sono settori difficili da affrontare lato e-commerce?

settori ecommerce

E-commerce in Italia: cosa succederà nel 2016?

Poco male, le previsioni per il 2016 sono positive: un bel +20% risolleverà le sorti dell’abbigliamento. Lo stesso vale per arredamento casa che sarà investito da un +25%, stessa cifra dell’editoria. Il benessere? Settore a gonfie vere per i prossimi 12 mesi con un aumento record: +40% per questo circuito così importante.

Da leggere: 8 modi per migliorare il carrello e-commerce

Quale pubblicità?

Uno dei punti di partenza per chi fa e-commerce in Italia: non basta il sito web. Puoi usare Magento, Prestashop o WordPress per costruire il tuo shop online. Puoi sfruttare altre piattaforme, questo è chiaro. Ma lo devi fare con cognizione di causa, devi creare una buona struttura e puntare su immagini, testo, video. Sui contenuti, insomma.

marketing

E-commerce in Italia 2016: ecco le attività di marketing

Poi? Ti siedi e aspetti le vendite? No, devi puntare sulla promozione. I trend in Italia parlano chiaro: c’è consapevolezza del mobile, i portali sono pensati per smartphone e tablet, ma al tempo stesso ci sono attività capaci di incrociare vecchie logiche come la pubblicità sulla TV. La grafica più interessante è quella che mette a confronto i diversi canali utilizzati per promuovere l’e-commerce:

  • Keyword Advertising
  • SEO
  • Social media
  • Email Marketing

Le fette più importanti della torta puntano sul web marketing, sull’ottimizzazione di diversi elementi che comprendono social media, SEO, pubblicità ed email marketing. Ci sono i media tradizionali ed è interessante il peso dei comparatori, settore specifico per la compravendita dei prodotti.

Aumentare le conversioni

Questa è l’idea di base: avere un e-commerce per aumentare le conversioni e fare in modo che il numero dei clienti si impenni. La mia esperienza personale? Lavorare in questo settore è difficile, molto difficile.

Un e-commerce è un equilibrio delicato, basta un dettaglio per fare la differenza: ecco quali sono i fattori che determinano un aumento delle conversioni nell’universo dei negozi online in Italia.

ecommerce italia

I fattori della conversione per un e-commerce.

Il posto d’onore è dedicato alla semplicità del processo d’acquisto. Non è una novità: l’user experience è decisiva in qualsiasi progetto web, ma soprattutto in un luogo dove le persone devono acquistare e inserire un numero importante come quello della carta di credito.

Tutto si basa su un connubio tra tecnica e sensibilità: il lavoro di chi costruisce l’e-commerce deve essere diretto verso l’accoglienza e la comprensione delle necessità.

Deve esserci assistenza, bisogna far percepire all’utente che ha fatto la scelta giusta e che ci sono delle persone pronte ad aiutarlo. Il processo d’acquisto deve essere semplice, veloce. E non guasta qualche artificio retorico per comunicare senso d’urgenza.

Per approfondire: la velocità è tutto per un e-commerce

Puntare sul mobile e sui social

Questa è la chiave di volta, il punto di riferimento per ottenere buoni risultati nel mondo dell’e-commerce. Esagerazione? Certo, il desktop è importante ma i dati parlano chiaro: il fatturato dei dispositivi smartphone e tablet è in crescita, e passa dal 5% del 2012 al 22% del 2015. Stiamo parlando di soli 3 anni per un aumento esponenziale.

Nel 2016 è previsto un aumento degli investimenti sul mobile, ma non solo: per i social si annuncia un 2016 florido. Gli intervistati si definiscono soddisfatti dei risultati ottenuti con il SMM, ma molti sottolineano le difficoltà nel definire il ROI.

social

E-commerce e SMM: su quali social investiamo?

A proposito, qual è il social più utilizzato per promuovere l’attività di vendita online? Facebook. Il social network di Mark Zuckerberg spazza via gli avversari – solo YouTube tiene timidamente testa – e viene considerato molto efficace da una buona parte del campione. Ancora qualche dubbio sul peso di questo social?

E tu come ti muovi?

Come al solito le statistiche prestano il fianco alla relatività dei dati. Cercano in qualche modo di restituire delle informazioni chiare, ma resta sempre il dubbio: saranno rappresentative? Questo è lo scopo, poi sta a noi interpretare i numeri e le indicazioni con la dovuta cautela. Anche se mi sento di poter confermare queste previsioni.

Mobile, social, investimenti futuri, fatturato in aumento: ci stiamo muovendo nella direzione giusta. Sei d’accordo? Qual è il tuo punto di vista? Hai un e-commerce e puoi confermare questi dati? Aspetto il tuo commento.

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares