WordPress e mobile: 5 dettagli da ottimizzare ora


Postato in data febbraio 4th, da Riccardo Esposito in Blog. No Comments

Ok, il tuo blog ha un template responsive e hai superato il primo passo per ottimizzare il tuo progetto in chiave mobile. È impossibile pensare un blog – più in generale, un progetto web – senza la giusta attenzione verso smartphone e tablet: i tuoi contenuti si devono adattare ai vari dispositivi.
mobile-wordpress
Per avvalorare questa tesi potrei citare dati su dati, potrei dimostrare che la penetrazione degli smartphone è in aumento e che gli investimenti nel settore del mobile advertising crescono. Lo potrei fare e potrei commentare questi numeri con un unico obiettivo: sottolineare per l’ennesima volta l’importanza di questo segmento per chi fa blogging.

Potrei fare tutto questo, ma ti lascio un link a eMarketer per approfondire questo tema. Oggi voglio fare altro, voglio darti dei consigli per ottimizzare il tuo blog in chiave mobile, ed evitare quei problemi in grado di vanificare la tua opera di content marketing. Il tuo lavoro in questo settore riguarda anche la pianificazione e la creazione dei post sul blog, senza dimenticare la distribuzione.

Una distribuzione che deve seguire regole precise se vuole massimizzare gli sforzi di chi crea i contenuti. Il mobile è il futuro per il web? Perfetto, ecco come mi muovo sul mio blog personale.

1. Responsive

Anzi, è indispensabile. Ancora vedo blog che adattano il proprio template WordPress al mobile con dei plugin. Ovvero creando delle versioni adatte agli smartphone, perdendo ogni riferimento grafico e cromatico con il blog ufficiale. Questi plugin creano una versione alternativa e semplificata del blog, ma in questo modo lo rendi irriconoscibile all’occhio dei lettori che sono abituati alla versione desktop.
responsive
L’identità di un blog è un bene prezioso, un aspetto che devi fondere con il tuo personal branding e rendere riconoscibile in qualsiasi momento. Ecco perché devi dire stop ai plugin che adattano il blog a una condizione mobile, e devi sposare la causa del responsive design: ormai tutti i temi WordPress offrono questa caratteristica, ti basta cambiare template per risolvere questo problema.

Da leggere: nella serp arriva l’etichetta mobile friendly.

2. Leggerezza

Ricordi l’interpretazione di Calvino? “Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore”. Lo stesso discorso vale per il tuo blog quando lo ottimizzi in ottica mobile.

Avere un design responsive, quindi capace di adattare i moduli a tutte le dimensioni dello schermo, non vuol dire poter aggiungere tutto ciò che vuoi nella sidebar o nelle pagine del blog.

Guarda sempre verso gli obiettivi del blog. Prima di inserire l’ennesimo widget fatti queste domande: “Sarà utile ai miei obiettivi? C’è già qualcosa che svolge la stessa funzione? Può darmi dei vantaggi strategici e migliorare delle KPI?”. La leggerezza nel settore blogging è un valore importante, e nel mondo mobile ancora di più: non appesantire le tue pagine con elementi inutili.

3. Immagini

A proposito di appesantire: quando inserisci le immagini nei tuoi post valuta sempre la prospettiva mobile. I contenuti vengono letti da uno schermo piccolo, e con connessioni non proprio solide. Risultato? L’immagine spezza la lettura e spesso non si carica. Quindi ti lascio due consigli:

  • Carica immagini leggere.
  • Carica immagini solo quando servono.

Non inserire immagini a caso e per spezzare la monotonia del testo. Non c’è bisogno, puoi usare gli spazi bianchi per dare aria al testo. Anzi, ricorda che i blocchi di testo sono difficili da digerire dal telefonino. Quando lavori sulla leggibilità, quindi, non interrompere il muro di parole con l’ennesimo visual preso dai siti di stock photo: usa uno spazio bianco.

Per approfondire: come inserire le immagini in un blog WordPress.

4. Velocità

I tuoi contenuti devono essere veloci. Nel senso che si devono caricare nel minor tempo possibile, e questo è un punto a tuo favore in qualsiasi occasione. Pensa ad esempio a un e-commerce: cosa significa perdere tempo nel caricamento della scheda prodotto? Conversioni buttate al vento.
pagespeed
Certo, il tuo blog non è un e-commerce ma non cambia molto: devi fare in modo che le tue pagine siano veloci. Il punto di partenza? Acquistare il miglior hosting possibile, in base alle tue risorse. Poi riuscire a effettuare tutte le modifiche per velocizzare il caricamento delle pagine.

Il Page Speed Tool in questo caso è ottimo, ti permette di intervenire su punti specifici della versione desktop e di quella mobile. Un dettaglio importante: anche l’ottimizzazione delle immagini influenza il caricamento della pagina, quindi hai un obbligo: comprimere i materiali senza perdere la qualità Puoi usare un normalissimo programma di editing fotografico, oppure kraken.io.

Per approfondire: ottimizzazione SEO per WordPress.

5. Social

Aspetto decisivo per la distribuzione dei contenuti. Allora, come si ottimizza un contenuto mobile lato social? Devi usare i bottoni share, e fare in modo che le persone siano in grado di condividere nei propri canali i tuoi contenuti. Io ho adattato decine di bottoni sul mio blog, e sono arrivato a conclusioni nette:

  • Evita i bottoni a scorrimento laterale nella versione mobile: coprono il testo.
  • Prendi in considerazione i bottoni per condividere anche sulle chat (ad esempio WhatsApp).
  • Non riesci ad allineare i bottoni? Usa un plugin per mettere ordine nel codice.
  • Fai prove incrociate su diversi device.

Perché provare diverse soluzioni? Spesso i bottoni social non si allineano nel miglior modo possibile e cambiano equilibrio in base al dispositivo. Amici e colleghi mi mandano screenshot da diversi smartphone e mi avvisano che i pulsanti occupano parti dell’articolo.

In ogni caso il controllo cross device è indispensabile per diversi motivi, non solo per controllare i pulsanti social. Quindi ti consiglio di usare quirktools.com/screenfly per fare un controllo. Anche quelli più improbabili.

E tu come ottimizzi i tuoi contenuti?

Io credo che non esista una vera e propria checklist da rispettare per ottimizzare i contenuti lato mobile. Devi solo ragionare in questo modo: tutto quello che faccio per il desktop andrà su un telefonino. E verrà letto in situazioni differenti. Molto differenti. Magari in autobus, o mentre si aspetta il dottore.

Devi rendere tutto più semplice: la lettura, il caricamento della pagina, la condivisione. Per il resto devi continuare a fare il tuo lavoro: programmare e distribuire grandi contenuti. Sei d’accordo? Tu come ottimizzi i tuoi contenuti per il mobile? Lascia la tua idea nei commenti.

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Shares