Sito lento: Google prova nuove etichette nella SERP


Postato in data luglio 6th, da Riccardo Esposito in News. 4 comments

La velocità di caricamento di un sito web è un fattore decisivo per la user experience. Le persone hanno bisogno di siti web veloci, rapidi capaci di caricare in un attimo i contenuti più importanti.

velocità caricamento pagina

La velocità di caricamento della pagina incide – Fonte immagine

Questione di secondi. Basta un attimo di incertezza e l’utente passa ad altro, clicca sulle frecce del browser e si dirige verso altri lidi. O meglio altri siti web. La piattaforma è solo un diario personale? Un blog WordPress senza significato? Poco importa, una visita in meno. Ma se il sito web rappresenta una fonte reale di lead, di contatti, allora la storia cambia.

Peggio ancora se il sito in questione è un ecommerce: la velocità di caricamento pagina è decisiva per mantenere le persone sulle schede, per migliorare l’esperienza dell’utente e quindi per aumentare le vendite. Secondo la ricerca di www.webperformancetoday.com un secondo di ritardo corrisponde a una perdita del 7% delle conversioni e un meno 16% di soddisfazione cliente.

Questi sono numeri per il tuo ecommerce

Ma anche per un blog, un portale, un qualsiasi sito web. Ecco perché devi puntare su un hosting di qualità, devi acquistare un hosting che ti garantisca risposta immediata e un caricamento delle pagine veloce. Anche perché questo punto rientra tra i fattori di posizionamento di Google. Molti si concentrano su questo punto, ma è secondario come sottolinea lo stesso Matt Cutts:

Page speed does have an impact on Google rankings. You should care about the speed of your site not just because of your Google rankings, but because it makes a huge difference to your user experience.

Lo dicono le ricerche, lo dice Matt Cutts: devi curare la velocità di caricamento delle pagine web per dare un’esperienza superiore. Per fare in modo che i tuoi utenti siano soddisfatti quando arrivano sul tuo sito. Altrimenti non ci arrivano proprio.

Google, infatti, si sta muovendo sull’implementazione della SERP. Ha già messo in pratica l’etichetta mobile friendly per indicare agli utenti la presenza di un sito responsive (quindi facile da navigare con i dispositivi mobile) e alcune indiscrezioni parlano di una possibile indicazione per sanzionare i siti lenti.

velocità pagina

In realtà questa notizia era già apparsa qualche mese fa sul web: un’etichetta rossa avrebbe sanzionato i siti web troppo lenti (foto a sinistra), mentre l’aggiornamento segnalato in questi giorni da SEO Roundtable si avvicina come stile all’avviso mobile friendly. Ma c’è il triangolo giallo che richiama l’attenzione degli utenti (foto a destra).

Per approfondire: quali sono i vantaggi di un hosting veloce?

Influenzare il CTR

Esatto. L’obiettivo di Google è quello di restituire il miglior risultato possibile. E questo principio viene seguito anche influenzando i click dell’utente (quindi il click through rate, CTR) attraverso informazioni aggiuntive. Come i sitelink, i rich snippet che includono recensioni, prezzi, orari di cottura di una ricetta.

Google ha deciso di guidare le scelte degli utenti verso i siti mobile friendly, etichetta già attiva sui dispositivi smartphone e tablet. Potrebbe attivare questa soluzione anche per i siti lenti. Quindi il mantra è sempre lo stesso: ottimizzare per le persone, non per i motori di ricerca. Ma non dimenticare che esiste anche la SERP.

Avere un’etichetta che riporta “sito lento” non è il massimo, vero? Per questo utilizziamo dischi SSD (solid state drive) per i nostri server: in questo modo possiamo garantire una buona risposta per quanto riguarda la velocità di caricamento della pagina.

La velocità di caricamento di un sito web dipende da diversi fattori, ma la qualità dell’hosting è decisiva. Sei d’accordo? Qual è la tua opinione? Secondo te conviene intervenire prima su altri fattori? Quali? Lascia la tua opinione nei commenti.

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?




4 commenti su “Sito lento: Google prova nuove etichette nella SERP

  1. La velocità impressionante è uno dei fattori che mi ha fatto scegliere Serverplan per me e per i miei clienti.

    Molti Webmaster o Web-qualcosa credono che servizi hosting stranieri siano superiori, sbagliando! Specialmente se il sito web si rivolge all’utenza italiana.

    L’hosting italiano serve l’utente immediatamente e senza fare il giro del mondo.

    I Server dislocati in inghilterra o peggio negli stati uniti non sono più veloci di quelli italiani.
    Molti pensano il contrario perchè si affidano a tool online che analizzano il sito da quei paesi falsando il risultato rispetto all’esperienza dell’utente italiano.

    Solo con hosting performanti italiani si ottiene l’ottimo della navigazione.

    L’hosting da solo non basta, per la velocità complessiva del sito web, ci vuole un po’ di ottimizzazione specialmente se si usano CMS come WordPress o Joomla, la parte più importante è l’ottimizzazione delle immagini, ma si può fare veramente molto per raggiungere velocità elevate.

    L’Hosting è sicuramente il punto di partenza, per non sprecare tempo.

    Hosting “economici” sia stranieri che italiani non sono consigliabili, avere un sito che risponde in tre secondi o peggio non è accettabile e vanifica qualsiasi ottimizzazione.

    Qundi Grazie Serverplan!
    e Grazie Riccardo Esposito per l’interessante articolo!

    • Ciao Valerio, ti ringrazio per il commento. La scelta dell’hosting è fondamentale per la velocità del sito, ma anche per una serie di motivi che molti sottovalutano. Tipo il support. Anche in questo caso la velocità è decisiva.

      • Nella scelta di Serverplan
        l’ago della mia bilancia è stato influenzato da:

        velocità
        e
        tecnologie implementate nell’hosting.

        Grazie ad un sito molto veloce, per vedere quale hosting utilizzava, tramite whois ho conosciuto serverplan.

        Mi piace molto l’hosting linux senza personalizzazioni e mi trovo bene con il Cpanel

        Per l’uptime mai un problema

        Non posso pronunciarmi riguardo l’assistenza perchè non ne ho avuto bisogno.

        Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares