Come migliorare la condivisione dei post su WordPress


Postato in data giugno 1st, da Riccardo Esposito in Blog. 2 comments

Hai pubblicato il tuo blog, hai scritto i primi articoli, hai iniziato a scoprire i primi passi dell’ottimizzazione SEO. I risultati ci sono? Non tanto, in fin dei conti ti aspettavi dei risultati migliori, vero?
condivisione social
Capita. Forse non hai toccato i punti necessari per migliorare un blog appena nato. O forse stai ignorando uno dei punti fondamentali del blogging: c’è la creazione dei contenuti, e c’è il lavoro sui social. Non puoi puntare solo sul posizionamento su Google, devi spingere le persone a condividere i tuoi post.

In questo blog ho cercato di tracciare un percorso, dalla pubblicazione di un post all’ottimizzazione delle immagini e delle pagine statiche. Per poi passare a tag e categorie. Oggi invece ti suggerisco i passaggi utili per migliorare la condivisione dei tuoi articoli migliori. Una condivisione che ti può portare nuove visite, nuova visibilità e nuove occasioni di scoprire o fidelizzare lettori.

Tutto si basa sui pulsanti social

Ovvio. Il primo punto da rispettare se vuoi ottenere nuove visite grazie alla condivisione social: hai bisogno dei pulsanti social, ovvero i bottoni che ti permettono di condividere con un solo click l’articolo. Ora la domanda è questa: quale pulsante scegliere?

La regola di base è semplice: usa i pulsanti originali dei vari servizi. In questo modo puoi contare su una serie di bottoni capaci di rispettare le regole della piattaforma e di superare il problema di molte soluzioni: i passaggi intermedi di verifica.

Devi cliccare e condividere

Ragiona in questi termini: le persone odiano perdere tempo sulla tua pagina web. Vogliono tempi di caricamento rapidi (anche per questo è giusto scegliere un hosting WordPress di qualità) e tendono a evitare passaggi di verifica, click superflui e tempi di attesa inutili.
flare
Il messaggio è semplice: usa pulsanti originali, magari organizzati grazie a plugin WordPress per superare le tue lacune di codice. Non è facile allineare gli elementi: io di solito uso sempre Flare per inserire i pulsanti social con un design interessante, mai banale.

Un altro consiglio per superare il problema dell’usabilità nel settore social: attenzione agli hashtag. Con i plugin puoi inserire la menzione al tuo account Twitter e degli hashtag in modo da avere un messaggio con i seguenti elementi:

  • Titolo del post
  • Link
  • Menzione
  • Hashtag del tuo brand

C’è un problema. A volte inserire un hashtag troppo lungo – o semplicemente più hashtag – può allungare il tweet oltre la soglia di sicurezza. Ovvero una soglia di 120 caratteri che ti permette di tweettare anche in presenza di titoli lunghi.

Se vuoi retweettare un contenuto e la somma di tutti gli elementi sfora i 140 caratteri cosa fai? Ricorda questa regola: devi facilitare il compito delle persone, anche quelle che devono condividere.

Scegliere i pulsanti

Ho detto facilitare il compito, giusto? Perfetto. Il tuo obiettivo è quello di scegliere i pulsanti giusti, ovvero quelli che possono dare il miglior risultato possibile in termini di usabilità ed efficacia. I miei consigli si dividono in 4 punti:

  • Scegli solo i social necessari.
  • Usa la forza della riprova sociale.
  • Utilizza i colori di riferimento.
  • Ricordati del mobile e del dark social.

Il primo passaggio deve mettere un freno alla propensione umana di esagerare, di aggiungere senza considerare le eventuali conseguenze. Ci sono 10 pulsanti? Bene, li aggiungo tutti. Senza considerare che il pubblico è indifferente nei confronti dei 3/4 dei pulsanti inseriti.

Quindi devi inserire solo i pulsanti utili.

Secondo punto fondamentale: sfrutta la riprova sociale, ovvero i numeri del counter. Perché la riprova sociale è quel dato che permette al lettore di leggere un’informazione ben precisa, ovvero il gradimento generale del pubblico nei confronti dei tuoi contenuti. Maggiore sarà il numero degli share e maggiore sarà l’influenza sul pubblico.

Ricorda che tag title e description vengono richiamati dalle condivisioni social. Questo significa che devi prestare molta attenzione a questi campi non solo per un discorso SEO, ma anche per ottenere migliori risultati su Google Plus, Twitter e Facebook.

Ancora un dettaglio: molti plugin (tipo Flare AddToAny) ti permettono di scegliere il colore dei pulsanti social. Un consiglio: non variare. Le persone si sono abituate a questa soluzione, associano un’azione anche al colore. Quindi cerca di rimanere fedele alle soluzioni originali.

Al tempo stesso devi usare i bottoni giusti per sfruttare strade sotterranee: email e Whatsapp possono diventare un buon canale di diffusione se inserisci i pulsanti. Ecco i plugin indispensabili:

Dove inserire i bottoni?

In alto, lungo l’articolo o alla fine? La logica suggerisce quest’ultima soluzione: le persone leggono, giudicano e condividono. Ma sai una cosa? Spesso le persone condividono prima di aver letto l’articolo. I dati di questa ricerca parlano chiaro: le maggiori condivisioni avvengono dopo poco tempo, nel ventaglio di pochi secondi.

condivisioni

Quindi potrebbe essere interessante dare al lettore la possibilità di condividere anche nel corso della lettura, quando decide di interrompere. La soluzione ideale? Anche in questo caso solo un test te lo può dire: individua la posizione giusta grazie a una continua evoluzione del tuo blog.

I bottini per la condivisione possono essere inseriti anche all’interno del testo. Ad esempio con il sistema Click To Tweet, un box che ti permette di mettere in risalto una frase da retweettare. Una soluzione simile è quella proposta da Highlight and share: quando evidenzi una porzione di testo si apre una finestra con due bottoni per condividere il testo evidenziato su Twitter e Facebook.

La tua opinione

Questi sono i punti fondamentali per inserire i pulsanti social nel tuo blog WordPress. Ovviamente ci sono altri dettagli da aggiungere, e sono sicuro che la tua esperienza di blogger può fare tanto: lascia il tuo commento e aiutami ad arricchire questa piccola guida per i blogger che vogliono migliorare la condivisione dei post.

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?




2 commenti su “Come migliorare la condivisione dei post su WordPress

  1. Grazie Riccardo per l’articolo.
    Alla fine dell’articolo hai inserito la frase “MIGLIORA LE CONDIVISIONI DEL TUO BLOG” ed il pulsante per Twittarlo.
    Bene, trovo un plugin che mi permetta di aggiungere anche il pulsante per la condivisione su Facebook?
    Vorrei dare la possibilità ai lettori di condividere una singola frase o citazione. :-)

    GRAZIE TANTE!

    Alberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares