Come far scoprire nuovi contenuti ai tuoi lettori


Postato in data febbraio 23rd, da Riccardo Esposito in Blog. No Comments

Una delle esigenze specifiche di chi gestisce un blog è la possibilità di far scoprire contenuti già pubblicati, già esistenti, ai lettori. Perché la tua attività online è varia, articolata, e se pubblichi contenuti da qualche mese sicuramente hai tanto da mostrare ai tuoi lettori.

contenuti

Lettori che in ogni caso arrivano sulla tua home page e trovano solo gli ultimi articoli che hai pubblicato. Un bel problema, certo. Però le soluzioni non mancano. Bastano pochi accorgimenti per fare in modo che i lettori scoprano nuovi contenuti ogni volta che arrivano sul tuo blog.

Link interni

Il primo consiglio è questo: crea dei link interni ai post che rimandano a contenuti pubblicati in precedenza. Questa è una pratica interessante anche per fini SEO, in questo caso però permettono al lettore di scoprire articoli collegati all’argomento che stai trattando.

Primo consiglio: evita plugin che lavorano in automatico. Sono comodi, permettono di inserire link interni combinando determinate risorse con anchor text definiti, ma io preferisco avere sempre il controllo di quello che faccio.

Anzi, in alcuni casi inserisco i link interni come dei veri e propri punti di approfondimento all’interno del post. Puoi usare una semplice stringa in evidenza (come faccio anche io in questo post) o una lista puntata per consentire al lettore di scegliere tra più titoli.

Ricorda di inserire i link sempre con anchor text dotati di senso compito, e quindi di evitare soluzioni tipo “clicca qua”, approfondisci”, “leggi”. Il lettore deve capire quale sarà la destinazione prima ancora di cliccare.

Commenti

Le discussioni che nascono nei commenti sono perfette per suggerire articoli di approfondimento presi dall’archivio. Ricorda che i commenti WordPress permettono di inserire il codice HTML, quindi puoi anche utilizzare anchor text linkati.

Per approfondire: tutto quello che devi sapere sui commenti WordPress

Navigabilità

Uno dei principi fondamentali per permettere al lettore di scoprire nuovi contenuti. In questo caso è decisiva una buona navigabilità del blog, ovvero un lavoro ben strutturato per permettere all’utente di muoversi attraverso diverse categorie di contenuti.

La soluzione più semplice? Usa i custom menu di WordPress, una funzione che ti permette di creare dei menu di navigazione con diverse risorse (categorie, tag, pagine fisse) con un semplice drag & drop dei moduli.

menu

Ma c’è una regola fondamentale da seguire per ottimizzare la navigabilità di un blog?In questi casi il principio di Steve Krugdon’t make me think – è fondamentale: l’utente non deve pensare a come trovare i contenuti, devono essere reperibili immediatamente. Quindi puoi inserire nell’header un custom menu che riunisca le pagine fisse più importanti con un sottomenu dedicato agli argomenti, e puoi sfruttare la sidebar per linkare delle risorse utili.

Da leggere: come ottimizzare le pagine statiche di WordPress.

Raccolte di link

Cosa pubblichiamo oggi? A volte per dare un colpo di brio al tuo calendario editoriale puoi sorprendere i lettori con una lista di vecchi post, delle risorse utili racchiuse in un unico articolo. Qual è il senso di una simile pubblicazione? Può essere utile a chi ti segue?

Risposta affermativa. Avere una sintesi definitiva degli articoli raccolti seguendo un filo conduttore ben preciso vuol dire risparmiare tempo prezioso, e questo è chiaro ai lettori. In questo modo puoi portare alla luce contenuti ormai dimenticati, a patto che ci sia un’attenta opera di restauro.

link

Sì perché gli articoli scritti in passato – quasi sicuramente – hanno bisogno di una rinfrescata. Puoi cogliere l’occasione per migliorare, aggiornare, inserire foto nuove. E magari aggiungere dei link interni a risorse che prima, quando hai scritto l’articolo, non esistevano. Ricorda che per aggiungere i link interni verso risorse che non ricordi devi semplicemente cercare le parole chiave nel modulo di inserimento (in alto).

Post correlati

Un altro modo per suggerire contenuti passati è l’aggiunta di un plugin che suggerisca contenuti collegati. Esistono dei plugin che svolgono questo lavoro e permettono anche di lavorare con l’anteprima immagine: una soluzione in più per attirare l’attenzione del lettore. Uno dei più famosi: WordPress Related Post.

Secondo te devo aggiungere qualcosa alla lista? Come fai scoprire i vecchi contenuti ai tuoi lettori? Sfrutti i link interni o hai altre soluzioni? Lascia le tue idee nei commenti, affrontiamo insieme questo tema.

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Shares