Cosa è un VPS: il manuale di Serverplan


Postato in data dicembre 15th, da Riccardo Esposito in Hosting. No Comments

Esatto, bella domanda. Cosa è un VPS? Forse hai sentito parlare di questa sigla, forse qualcuno ha nominato questo acronimo in qualche web agency particolarmente esigente per i propri clienti. “Compriamo un VPS – hanno detto – andremo alla grande” e tu hai annuito. Ma cosa è esattamente?

hosting VPS

Fonte immagine: Flickr

Si tratta di un hosting particolarmente adatto a chi ha esigenze particolari – tipiche di un server dedicato – ma non vuole rinunciare alla convenienza di una soluzione condivisa. VPS sta per virtual private server e svolge un lavoro particolare: riproduce via software le caratteristiche di un server dedicato.

Il vantaggio principale è questo: puoi gestire un VPS (sia Windoes che Linux) come un server dedicato. Puoi montare tutti i software che preferisci, puoi sfruttare le risorse che acquisti dal provider come se fosse una macchina dedicata: hai un ambiente di lavoro separato, un indirizzo IP, delle risorse in termini di RAM, CPU e storage.

I vantaggi di un VPS

Il vantaggio di una soluzione VPS è evidente: costa meno di un server dedicato e può offrire una serie di caratteristiche simili. Inoltre, la maggior parte dei provider (noi lo facciamo) ti permette di scegliere tra una soluzione full access o manged. La prima la organizzi direttamente, la seconda è gestita dal support.

Quindi puoi bypassare un altro problema: le competenze tecniche. Ok, quindi un hosting su virtual private server offre le stesse caratteristiche di un server dedicato a un costo inferiore: abbiamo scoperto un nuovo modo per fare i furbi? Ovviamente c’è una differenza ed è anche evidente.

I limiti di un VPS

I limiti sono chiari: resta una virtualizzazione di un server dedicato. Ha le caratteristiche di una macchina dedicata a un unico cliente ma le risorse sono fisicamente condivise con altri utenti. In linea di massima un hosting su VPS è la via di mezzo tra chi non rientra nei limiti dell’hosting condiviso ma non vuole o non può azzardare la soluzione dedicata.

VPS

Fonte immagine: Flickr

Con VPS hai risorse RAM, CPU e disco simili a quelle di un server dedicato, e puoi gestire il tutto da remoto: la flessibilità è superiore rispetto a quella di un web hosting (decidi tu le risorse) e puoi contare sulla completa gestione delle risorse. Il limite però è l’assenza di un luogo fisico realmente dedicato.

Vuoi conosce meglio i VPS?

Bene, sei nel posto giusto. Stiamo studiando una serie di post per approfondire il tema dei virtual private server e nelle prossime settimane pubblicheremo articoli dedicati alle impostazioni, all’utilizzo concreto, al miglioramento delle prestazioni. Seguici su Facebook per non perdere i nostri post!

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *