Come, quando e perché linkare


Postato in data marzo 31st, da Riccardo Esposito in Blog. 2 comments

Frequenti da un po’ il mondo del web e hai preso confidenza con l’ecosistema dei siti, dei portali e dei blog. Ci sono degli elementi ridondanti, che si ritrovano e caratterizzano quasi ogni pagina.

Uno di questi elementi è il link, quella parola evidenziata o quell’immagine che ti permette di raggiungere un’altra risorsa che affronta argomenti più o meno simili. Basta cliccare per aprire un nuovo sito, una nuova realtà.

I link sono importanti per la SEO ma spesso (molto spesso) sono stati oggetto di attenzioni smodate e slegate dalle best practice indicate da Google. Per questo i tecnici di Mountain View sono sempre alla ricerca di nuove strategie per punire scambi innaturali e compravendita di link.

Ultimamente Matt Cutts ha concentrato le sue attenzioni sull’uso poco professionale del guest blogging, e non molto tempo fa si era soffermato su un determinato uso dei link nei commenti.

Questo perché si perde il senso profondo del link, il significato quasi ancestrale di questo collegamento ipertestuale ancorato a un contenuto così prezioso per chi legge una pagina.

Ecco, questo è il punto fondamentale. Questa non è solo una guida dedicata all’usabilità, ma una riflessione dedicata al valore autentico del link. Perché è così prezioso? Perché un collegamento verso una risorsa esterna è così importante?

Link preziosi

In primo luogo perché permette all’autore di un testo di ringraziare la persona che gli ha permesso di creare e pubblicare un articolo o una pagina così interessante. Il processo è molto semplice: i lettori amano i contenuti di qualità, ma soprattutto i contenuti utili.

link

Ovvero quelle pagine web che permettono di risolvere un problema, di ritrovare delle emozioni profonde, di dare qualcosa di utile e imprescindibile al lettore.

Bene, per ottenere dei risultati degni di nota devi mescolare idee, trovare spunti che ti permettano di creare qualcosa di nuovo. Questi processi non nascono dal nulla ma dalle idee e dalle conoscenze di altre persone. Che sia un’immagine, un testo o un’idea non fa differenza: i link ringraziano le persone che ti permettono di creare grandi contenuti.

Se ho visto più lontano, è perché stavo sulle spalle di giganti – Isaac Newton

Il secondo motivo che ti spinge a inserire buoni link: accrescere il valore del testo. Un link non lo inserisci solo per dovere, solo per citare una persona che ha dato qualcosa al tuo articolo, ma anche per dare l’opportunità al lettore di scoprire qualcosa di nuovo.

Non puoi affrontare un argomento in tutte le sue sfaccettature in un’unica pagina web, quindi hai due scelte: ignorare gli approfondimenti (e le relative richieste dei lettori) o rimandare gli utenti ai link. Esatto. Non c’è nulla di più onesto di un link capace di concentrarsi su un aspetto che non vuoi o non puoi affrontare.

Come si inserisce un link?

Ecco, questa è la vera ricchezza del link: rispettare chi ti ha dato buone idee/contenuti e soddisfare le esigenze del lettore. Sai che c’è un ramo dell’usabilità che si occupa solo dei link?

Questi collegamenti (come abbiamo avuto modo di approfondire) sono importanti, e meritano attenzioni. Ecco qualche consiglio preso anche da usabilitygeek.com per inserire dei link in una pagina web che rispettino le regole, e siano facili da usare:

  • L’anchor text deve avere un colore differente dal testo (preferibilmente blu).
  • L’anchor text deve essere sottolineato.
  • Usa un anchor text capace di spiegare il contenuto della pagina.
  • I link visitati devono cambiare colore.
  • Non usare caratteri inferiori o superiori per i link.
  • L’anchor text deve cambiare colore o evidenziarsi al passaggio del mouse.
  • Il link verso una pagina web deve aprirsi nella stessa finestra.
  • Il link verso una risorsa diversa (documento PDF) deve aprirsi in una finestra diversa.
  • Cerca di contenere entro 10 parole l’anchor text del link

Per approfondire l’argomento e orientarti nell’universo dei link puoi leggere l’articolo di Jakob Nielsen, punto di riferimento per chi vuole migliorare l’usabilità delle pagine web.

La tua opinione è importante: come usi i link? Li inserisci nel modo giusto? Li usi per dare al lettore i riferimenti e per permettere di approfondire gli argomenti? Lascia la tua opinione nei commenti.

Fonte immagine

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?




2 commenti su “Come, quando e perché linkare

  1. Ciao Riccardo.
    Ho una perplessità in merito al come inserire un link.
    Si afferma che:
    “Il link verso una pagina web deve aprirsi nella stessa finestra”.
    Così facendo non rischiamo di perdere un visitatore?
    Aprendolo invece in un’altra finestra rimane comunque attiva quella del nostro sito ed il rischio di perdere il visitatore si riduce. Dimmi se sbaglio.
    Buon lavoro.
    Roberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares