Cosa puoi fare con un embedded


Postato in data dicembre 5th, da Riccardo Esposito in Blog. 1 Comment

In un mondo fatto di continue evoluzioni come il web c’è sempre qualcosa da aggiornare, da rivedere e magari da cestinare. Non puoi fermarti, devi sempre evolvere il tuo lavoro.

Quello che non cambierà mai è il mantra che va avanti da un po’ di anni: i contenuti di qualità sono fondamentali per un blog.

blog

Mi riferisco a quell’insieme virtuoso di parole e immagini che soddisfa il lettore in cerca ti informazioni. Ma si tratta solo di questo? Non dimentichi niente?

Sei sicuro/a che sia solo una combinazione di vocali, consonanti e foto? Io credo che si debbano aggiungere anche i contenuti veicolati attraverso gli embedded.

Ovvero una porzione di codice che ti permette di arricchire i tuoi articoli per la gioia dei lettori che amano approfondire! Ma quali sono le reali occasioni offerte dall’embedded?

Ho una lista che fa al caso tuo…

Arricchire un contenuto

Cosa puoi fare con un embedded? La prima risposta utile: arricchire un post con un aggiornamento di un social.

Twitter, Facebook Fan Page, Pinterest, Instagram, Google Plus: queste piattaforme permettono di inserire un embedded nelle pagine HTML, ed è tuo dovere usare questa possibilità per dare più informazioni.

Inoltre ci sono i video: è facile trovare articoli con video Youtube, ma ricorda che c’è anche la possibilità di embeddare le playlist. Una nota: con gli embedded di Google + puoi condividere anche brevi filmati in forma di GIF.

Content curation

Esatto. Con gli embedded puoi fare content curation grazie a Storify. Questa piattaforma ti permette di raccogliere, modificare e arricchire contenuti da diverse fonti: Twitter, Youtube, Flickr, Instagram e soprattutto ti dà la possibilità di inserire dei link.

Una volta creato uno Storify, lo puoi condividere con i tuoi follower su Twitter e con i lettori del blog grazie all’embedded. Ecco un’ottima guida all’argomento Storify: 10 Drop-Dead Easy Ways You Can Use Storify to Create Compelling Content.

Scaletta

Hai creato un articolo o un tutorial con una scaletta complicata, e vuoi fare in modo che i lettori ricordino tutti i passaggi? Io ti consiglio di creare uno slideshow con Prezi.

Prezi è l’alternativa a Slideshare: con questo tool puoi creare delle presentazioni animate che accompagnano il lettore attraverso un percorso fatto di step.

Preview documenti

Vuoi promuovere il tuo ebook e mostrare il primo capitolo?  Hai un comunicato stampa da condividere? C’è un depliant che devi illustrare nell’ultimo articolo?

Puoi caricare i tuoi contenuti testuali (PDF ma non solo) su piattaforme come Issuu e Scribd che ti permettono di caricare e condividere i documenti con i tuoi lettori.

Ci sono i pulsanti per la condivisione sui social e, ovviamente, il codice embedded per permettere ai tuoi lettori di prendere visione dei documenti senza lasciare il blog o il sito.

Mappa mentale

Hai tante risorse da condividere e una semplice lista può essere dispersiva. Perché non racchiudi i link e i concetti in una mappa mentale? Con Mindmeister puoi creare delle mappe da inserire nelle pagine web come embedded.

Vine

Hai già usato Vine? Questa applicazione ti permette di pubblicare filmati di 15 secondi. Per crearli devi solo tener premuto il pulsante REC: quando lo lasci la registrazione si ferma, e puoi ricominciare a registrare quando vuoi.

In questo modo puoi lasciare spazio alla creatività e creare un breve curriculum o la presentazione di un prodotto nuovo. Ecco qualche esempio da prendere in considerazione: 15 Brands Kicking Butt on Vine.

La tua esperienza

Come usi gli embedded? Per te è solo un modo per inserire video e tweet o vuoi usare questa risorsa per dare qualcosa in più ai tuoi lettori? Aspetto la tua opinione nei commenti!

Fonte immagine

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?




Un commento su “Cosa puoi fare con un embedded

  1. Pingback: 6 consigli per organizzare un webinar speciale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Shares