Dove vive il tuo sito web?


Postato in data novembre 14th, da Riccardo Esposito in Hosting. 3 comments

In uno spazio hosting, mi sembra ovvio.

Il server è il luogo fisico in cui si trova il tuo sito web, e aziende come Serverplan si occupano di ogni dettaglio per fare il modo che il tuo lavoro sia sempre online.

C’è la manutenzione, c’è l’acquisto del dominio (un vero e proprio indirizzo) e c’è il support che è sempre pronto ad intervenire per risolvere qualsiasi tipo di problema.

hosting infografica

Ma rimaniamo un attimo nella metafora abitativa: così come esistono diverse tipologie di case, un provider può proporre più soluzioni per ospitare un sito.

Meglio un web hosting tradizionale o un server dedicato? Perché non scegliere un virtual private server? È solo una questione di costi? Qual è la differenza tra queste soluzioni? Per avere una risposta basta l’infografica di enterpreneur.com.

Web Hosting

Il web hosting tradizionale, quello in cui il server è condiviso con altri clienti, è paragonabile a un appartamento in un palazzo. È economico, ha tutti i servizi necessari, ma ci sono dettagli che devi condividere con altre persone.

Se i tuoi vicini hanno organizzato una festa sarà difficile trovare parcheggio e l’ascensore sarà sempre occupato. Fuori dalla metafora: i siti ospitati dal server hanno un picco di traffico e le conseguenze in termini di risorse le pagherai anche tu.

Con un server condiviso la banda, la CPU e lo spazio è condiviso con altri utenti. Ed eventuali problemi si possono ripercuotere su tutti gli inquilini del palazzo. O meglio, sui siti ospitati dal server.

Virtual Private Server

I VPS possono essere paragonati a una residenza di città, classica abitazione dei complessi residenziali. In questo caso hai maggior controllo di tutto quello che succede tra le mura di casa, non hai i problemi di vicinato che caratterizzano l’appartamento.

I picchi di visite non sono un problema difficile da superare, e hai una maggior sicurezza. Ma ci sono ancora alcune risorse chiave che sono condivise con gli altri inquilini. E i prezzi sono superiori a quelli di un hosting condiviso.

Server Dedicato

Ultima soluzione: server dedicato. Qui siamo in una fascia alta che si può paragonare alla casa di proprietà. Sei il padrone, non devi chiedere niente a nessuno, non ci sono limiti e non ci sono regole da rispettare.

I problemi con i picchi di visite (le grandi feste) sono solo un vecchio ricordo. Hai massima flessibilità ma anche un piccolo lato negativo: è la soluzione più impegnativa da un punto di vista economico. Per ospitare grandi portali ed e-commerce è il massimo.

Scegli il tuo hosting

Questa metafora server – abitazione può essere utile per capire le necessità di un sito web. Maggiori costi sono sinonimo di sicurezza, stabilità ma soprattutto indipendenza. Ovvero una qualità indispensabile quando devi lavorare con grandi numeri.

A te la scelta. Preferisci un hosting condiviso, un VPS o un server dedicato?

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?




3 commenti su “Dove vive il tuo sito web?

  1. Pingback: Come scegliere l’hosting per il tuo e-commerce?

  2. Per ogni progetto c’è una soluzione. È chiaro che un sito e-commerce appena lanciato non richiede le stesse risorse di una grande struttura internazionale come amazon. In questo c’è la convenienza del VPS, perché offre condizioni di sicurezza e affidabilità molto simili a quelle di un server dedicato, più solido, ma spesso non necessario soprattutto in fase di startup. Un server virtuale invece genera la tranquillità di sapere che laddove si renda necessario, si potranno allocare più risorse in pochi minuti. È un server che cresce con te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares