Migliora la user experience della tua home page


Postato in data ottobre 24th, da Riccardo Esposito in Generale. 1 Comment

Qual è la parte più importante del tuo sito web? Qual è la pagina che dovresti curare con maggiore attenzione? Ma è ovvio: la home page.

La home page è il biglietto da visita del tuo business, è il punto di riferimento per chi non ha mai sentito parlare di te. Ma anche per chi già ti conosce e naviga ogni giorno sul tuo portale o sul tuo e-commerce.

experience

In altre parole, la home page è una di quelle risorse che non puoi lasciare al caso. Altrimenti rischi di rovinare tutto il lavoro che hai fatto online e offline.

E tu non vuoi questo, giusto? Perfetto, siamo in sintonia. Ecco una serie di consigli per migliorare subito la user experience della tua home page.

Mobile

È impossibile pensare un sito web, un blog o addirittura un e-commerce senza una buona ottimizzazione mobile.

La diffusione dei tablet e degli smartphone è capillare anche nel nostro paese, e gli utenti si aspettano di trovare una home page che si adatti ai vari schermi.

mobile

Il tuo sito web è pronto ad accettare questa sfida? E la tua home page? Scegli una buona soluzione responsive: ormai è un investimento chiave.

Un consiglio. Leggi questo articolo chiave: 16 Top Tools for Responsive Web Design.

Velocità

Qual è uno dei motivi che ti spingono ad abbandonare la home page di un sito web? La velocità. O meglio, la lentezza del caricamento.

I tempi del web sono minimi. E gli utenti sono continuamente distratti dai richiami della pubblicità, dalle email che imperversano e dalle notifiche dei vari social.

In questo scenario il margine di attesa per il caricamento di una pagina web si riduce sempre di piú. L’home page del tuo sito, quindi, deve essere un esempio di velocità: ottimizzala con lo Speedtool di Google e assicurati di avere un piano hosting adeguato alle tue esigenze.

A proposito di hosting… prova a dare uno sguardo tra le offerte di Serverplan. Qui troverai il web hosting ideale per garantire al tuo sito, al tuo portale o al tuo e-commerce una risposta rapida.

Navigazione

La barra di navigazione è un elemento che non può mancare nella home page. I link necessari per raggiungere le risorse più importanti del sito web devono essere visibili, facili da individuare e usare.

Per questo è consigliabile, come suggerisce anche gomediazine.com, di inserire la navigazione sempre nella parte alta del sito.

Perché è funzionale al nostro modo di leggere le informazioni, ma anche perché gli umani sono esseri abitudinari: si aspettano già di trovarla esattamente dove l’hanno vista su altri blog.

Una regola fondamentale per organizzare una buona navigazione è la semplificazione. Cerca di essere conciso, evita le sotto categorie inutili, cerca di evitare una eccessiva segmentazione.

Non dico di limitare le risorse del sito ma di usarle nel migliore dei modi possibili.

Above the fold

La parte alta della home page, quella che appare appena nello schermo senza scrollare con il mouse, è molto importante: deve riassumere tutte le informazioni necessarie all’utente per capire chi sei, cosa fai, cosa troverà sul sito.

Questo perché devi sempre agevolare le azioni all’utente. E devi prevedere le sue esigenze. In questo caso la vera difficoltà consiste nel riuscire a trovare un buon equilibrio tra la quantità delle informazioni e l’ordine necessario per rendere il tutto facile da navigare e leggere.

schermo

Gonfiare la parte above the fold della tua home page non è la soluzione giusta. Devi lavorare sull’equilibrio tra contenuti e spazi bianchi, non sulla quantità delle informazioni.

Sottotitolo

Strettamente collegato con il discorso above the fold. C’è un dettaglio che può fare la differenza nella home page del tuo sito web: il sottotitolo. Ovvero quella stringa di testo che prende per mano il visitatore e lo introduce nel tuo mondo.

Ti sembra un dettaglio da poco, vero? Ti assicuro che non è così: il sottotitolo è il primo elemento che l’utente vede e legge una volta arrivato nella home page, e grazie a questa piccola porzione di testo puoi descrivere cosa fai, cosa offri, a chi ti rivolgi.

il nome del brand può anticipare tutto questo (pensa a Serverplan) ma il sottotitolo è fondamentale per accogliere il visitatore e chiarire subito i tuoi obiettivi.

Serp

Voglio chiudere con aspetto (un po’ forzato) non visibile a primo impatto e che che precede la home page. Mi riferisco al tag title e description, le informazioni che descrivono il tuo sito nella

Ottimizzare queste stringhe di codice è un passaggio chiave per un progetto web, ma non è difficile trovare siti e portali che si presentano nella pagina di Google con title e description senza mordente.

Questi elementi sono fondamentali per chi fa SEO e SEM, ma servono anche per far capire all’utente cosa sta cliccando e dove giungerà nel momento in cui sceglierà un risultato.

google

Curare title e description è un consiglio che dà anche Google. Ed è tuo compito preciso completare questi campi con delle informazioni utili: non con una sequenza di keyword inutili, non con il semplice nome del brand.

Sfrutta questi spazi per rendere la tua home page immediatamente riconoscibile prima ancora di essere cliccata. Per approfondire tutti questi argomenti ti consiglio la guida ufficiale di Google.

Per concludere

Fare in modo che l’utente trovi una home page gratificante non è un obiettivo facile da raggiungere. Ma tu hai un’arma: il test. Solo attraverso i test puoi mettere a confronto soluzioni più o meno valide.

Ti lascio con un regalo: le 113 regole di Jackob Nielesen per curare l’usabilità del tuo sito web. E quindi anche della tua home page.

Buona lettura!

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?




Un commento su “Migliora la user experience della tua home page

  1. Pingback: Usabilità: 3 piccoli dettagli per ottenere grandi risultati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares