Spostare WordPress su un nuovo server in 5 passaggi


Postato in data febbraio 21st, da Serverplan in Wordpress. 7 comments

Capita molto spesso che un sito nato su un piccolo hosting economico, una volta raggiunto un buon successo, richieda maggiori risorse e che quindi si debba procedere alla migrazione. Nel nostro caso, sono molti i clienti che scelgono di migrare su un piano Linux Pro o Extra il proprio blog realizzato con WordPress. Guarda l’elenco dei piani hosting con WordPress preinstallato.

Spostare WordPress su un nuovo server

Oggi vedremo quindi in che modo è possibile spostare la propria installazione di WordPress su un nuovo spazio hosting senza rischiare di perdere gli articoli già scritti, le immagini caricate ed i plugin in uso. Esistono numerosi plugin di WordPress che possono aiutarci (ad esempio esportando il database e inviandolo via mail), ma nell’articolo di oggi vedremo come fare tutto senza bisogno di installare nessun componente aggiuntivo.

La procedura prevede 5 passaggi:

  1. download dei file tramite FTP
  2. esportazione del database tramite phpMyAdmin
  3. creazione di un nuovo database e importazione dei dati
  4. upload dei file tramite FTP
  5. modifica del file wp-config.php

Vedremo ora qualche dettaglio in più per ciascuno step. A fondo articolo abbiamo segnalato inoltre due video che mostrano tutte le operazioni descritte.

1. Download dei file

La prima operazione da compiere è naturalmente il download di tutti i file contenuti nella cartella del blog. Attraverso l’accesso FTP, è possibile prelevare l’intera struttura di file e cartelle creandone una copia in locale.

Durante questa fase occorre prestare attenzione ad un file nascosto, chiamato .htaccess, che potrebbe non essere visibile nell’applicazione FTP (in alcuni casi occorre abilitare la visualizzazione dei files nascosti) e che si trova nella cartella principale del blog.

Il file .htaccess contiene le istruzioni necessarie alla riscrittura dell’indirizzo. Se sul nostro blog, ad esempio, abbiamo un indirizzo simile a:

http://indirizzoblog/anno/mese/giorno/titolo-del-post

allora il file .htaccess è in uso. Al contrario, se l’indirizzo è simile a:

http://indirizzoblog/?p=123

non dovremo preoccuparcene.

2. Esportazione del database

Lo strumento più diffuso per la gestione del database MySQL è phpMyAdmin. Si tratta di una comoda interfaccia web per interagire con la struttura e con i dati contenuti nel database. Serverplan offre l’accesso a phpMyAdmin attraverso il pannello di controllo (cPanel) dei piani hosting Linux.

Una volta eseguito l’accesso a phpMyAdmin è sufficiente selezionare, nella colonna di sinistra, il database usato da WordPress e quindi cliccare sul link “Esporta”. Nella pagina di esportazione potremo quindi scegliere di scaricare il file di testo contenente tutte le informazioni del nostro blog.

3. Creazione di un nuovo database e importazione dei dati

Adesso che abbiamo eseguito un backup completo del blog (files + database) non ci resta che eseguire la migrazione vera e propria.

Come prima cosa, dobbiamo creare un database sul nuovo hosting. Nel caso di un hosting con Serverplan, sarà sufficiente aprire cPanel (come mostrato anche nel video), creare un nuovo database (attraverso il wizard verrà creato in automatico l’utente associato) e prendere nota dei dati di accesso che abbiamo settato (ci serviranno nell’ultimo passaggio).

Accediamo ora a phpMyAdmin, selezioniamo il database appena creato, quindi clicchiamo sul comando “Importa” e avviamo il caricamento del file creato nel passaggio precedente. Dopo pochi istanti riceveremo la conferma di importazione avvenuta con successo. Possiamo quindi chiudere phpMyAdmin e passare alla fase finale della migrazione.

4. Upload dei file

Analogamente al primo step, carichiamo tutti i file nello spazio hosting, avendo cura di verificare che il solito .htaccess sia presente al termine del trasferimento.

5. Modifica del file wp-config.php

L’ultimo intervento da compiere è la modifica dei dati di accesso al database contenuti nel file wp-config.php presente nella cartella principale del blog. Il nuovo database avrà infatti un nome, un utente ed una password differenti da quelli usati nel vecchio hosting. I campi da modificare sono:

// ** MySQL settings - You can get this info from your web host ** //
/** The name of the database for WordPress */
define('DB_NAME', 'nomedeldatabase');
 
/** MySQL database username */
define('DB_USER', 'username');
 
/** MySQL database password */
define('DB_PASSWORD', 'password');

Al termine della modifica sarà sufficiente caricare il file sul nuovo server.

Conclusione

Ora che il file wp-config.php è ben configurato il blog è pronto. Manca però un ultimo intervento, che dipende dal tipo di migrazione effettuata:

  1. non abbiamo richiesto il trasferimento del dominio: in questo caso occorre intervenire sul pannello DNS (come mostrato nel video)
  2. abbiamo richiesto il trasferimento del dominio: dobbiamo solo attendere che il dominio venga trasferito e attivato dal nuovo Registrar (48 ore in media)

Nel caso in cui il blog sia stato spostato su un indirizzo differente da quello precedente, occorre intervenire direttamente sul alcuni campi contenuti nel database per settare la nuova url ed evitare che WordPress, al nostro accesso ci riporti al vecchio dominio.

Attenzione: le modifiche al database possono portare alla perdita di dati se compiute in maniera errata, prima di procedere assicurati di avere una copia di backup aggiornata.

Accediamo a phpMyAdmin e selezioniamo il database di WP. Nel database troviamo una tabella chiamata “wp_options”, apriamola cliccandoci sopra. Al suo interno sono presenti due record con valore “siteurl” e “home” ai quali è associato l’indirizzo del vecchio blog. Editiamo i record aggiornandoli con il nuovo indirizzo e salviamo.

Da questo momento, il nostro nuovo blog risponderà correttamente alle richieste del nuovo indirizzo.

Guarda i video che mostrano i passaggi descritti in questo articolo:

Come abbiamo visto, la migrazione di un blog su un differente spazio hosting non è un’operazione complicata, ma richiede comunque massima attenzionein alcuni passaggi ed una procedura rigorosa.

Conosci tecniche differenti per migrare WordPress? Segnalale nei commenti, ci piacerebbe conoscerle.

Fonte immagine in evidenza: Ivan Walsh




7 commenti su “Spostare WordPress su un nuovo server in 5 passaggi

  1. Pingback: Tweets that mention Spostare Wordpress su un nuovo server in 5 semplici passaggi -- Topsy.com

  2. Ciao Federico, bellissima spiegazione, complimenti.

    Ma se invece di voler esportare su un altro database io volessi importare i file di un database su un sito wrodpress come dovrei fare?

    Ti spiego meglio. Per problemi tecnici ho dovuto resettare tutto il contenuto del sito http://www.cambiaverso.it. Ho reinstallato la versione aggiornata di WordPress lasciando i file del mio database intatti (ho fatto un backup per sicurezza). Il mio nuovo cambiaverso.it sembra comunicare con il DB, anche perché credo che neanche girerebbe altrimenti. Tuttavia non mi ha caricato tutti quei file (quindi articoli e immagini) ancora presenti sul DB. Come devo fare?

    Grazie mille
    Paolo

  3. Complimenti per la spiegazione, mi è stata utilissima. Grazie!!
    Unico appunto: nel file wp-config.php va eventualmente modificato
    anche il parametro:
    /** Hostname MySQL */
    define(‘DB_HOST’, ‘indirizzo_DB_host’);
    che potrebbe essere diverso se si migra su altro provider/host.

  4. Bellissimo articolo, mi ha aiutato molto. Vorrei solo precisare che talvolta sono da modificare altre tabelle del mySql: le tracce del vecchio indirizzo possono trovarsi in più punto (es. wp_posts).

  5. Salve e se volessi semplicemente migrare da un dominio all’altro? sempre su serverplan e con la opzione che prevede le easyapp? come funzionerebbe per i puntamenti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Shares