Cosa verificare se Contact Form 7 non funziona?

Postato in data agosto 2nd, da Riccardo Esposito in Wordpress. No Comments

Quando Contact Form 7 non funziona c’è qualche conversione che salta, e questo non va bene. Il famoso plugin per permettere ai visitatori di contattarti non può perdere un sol colpo. Altrimenti rischi di danneggiare il tuo business e non sto scherzando su questo punto.

Spesso si fa affidamento a un’estensione per dare al proprio giro d’affari una soluzione in più. Dimenticando che gli strumenti che usiamo ogni giorno potrebbero subire dei danni. E presentare dei problemi. Cosa succede se non funziona un plugin per le condivisione?

Non appare il pulsante dello share. Non posso dire lo stesso se Contact Form 7 non funziona. Perché in questo caso non vengono inviate le email, di conseguenza non puoi ricevere le notifiche dei lettori. o magari dei clienti. E tu non vuoi questo, sei d’accordo?



Cluster Hosting: cosa sono e a cosa servono

Postato in data luglio 30th, da Riccardo Esposito in News. No Comments

Avere un cluster hosting a disposizione può essere la risposta giusta quando cerchi delle prestazioni che vanno oltre la norma. Lo sa bene chi ha già scelto la soluzione Serverplan, vale a dire l’hosting in clusting che garantisce alta scalabilità e prestazioni uniche.

Perché tutta quest’attenzione per un piano hosting? Beh, di solito ci accontentiamo di una semplice combinazione per accogliere il sito web in uno spazio sicuro. Se c’è bisogno di qualcosa in più si pensa a un VPS, magari a un server dedicato se devi essere sicuro.

Non sempre è sufficiente, soprattutto quando l’esperienza decennale di Serverplan ti mette a disposizione un piano di cluster hosting e load balancing che non puoi rifiutare. Di cosa si tratta esattamente? Perché è così interessante questa opzione? Ecco le risposte.



Come migliorare e ottimizzare il backend di WordPress: ecco i plugin utili

Postato in data luglio 26th, da Riccardo Esposito in Wordpress. No Comments

Personalizzare il backend WordPress può essere un passaggio secondario per molti blogger, ma non per chi ha deciso di trasformare il proprio progetto in una vera e propria attività editoriale. Quindi un’entità con un’idea ben precisa e un brand sviluppato.

Ai fini pratici questa necessità è relativa. Nel senso che ci sono ben altre modifiche e attività da svolgere per fare un sito web da soli e per ottimizzare il blog. Però questo punto può diventare prioritario quando vuoi consegnare un prodotto personalizzato. 

La coerenza di brand si sviluppa così, coinvolgendo i dipendenti e i collaboratori in un progetto unico. Completo. Senza dimenticare che ci sono soluzioni pratiche e funzionali. Sei d’accordo? Perfetto, allora continua a leggere: qui trovi i migliori plugin per personalizzare il backend WordPress. E per rendere unica (sul serio) la tua attività online.



Cosa fare prima di pubblicare un sito: tutte le verifiche

Postato in data luglio 23rd, da Riccardo Esposito in Vita da Webmaster. No Comments

Mettere un sito online vuol dire iniziare la tua avventura, dare al pubblico ciò che hai creato per promuovere il tuo business. Ma è chiaro che a questo punto sorge un problema: cosa fare? Siamo sicuri che tutto funzioni bene? Ho seguito i passi necessari per pubblicare il blog?

Nella maggior parte dei casi per pubblicare un sito web basta toglierlo dalla modalità manutenzione e permettere al motore di ricerca di indicizzare le pagine. Però la paura di commettere un errore c’è sempre. Hai fatto tutto quello che serve per pubblicare il sito nel migliore dei modi? Dai uno sguardo a questa checklist per avere maggiori certezze.



Come verificare il certificato HTTPS: tutti i controlli utili

Postato in data luglio 19th, da Riccardo Esposito in Vita da Webmaster. No Comments

La verifica certificato HTTPS è il punto essenziale per avere sempre la situazione sotto controllo. I prossimi aggiornamenti di Chrome sono tassativi: il protocollo deve essere lo standard, chi si troverà senza avrà una dicitura in rosso. Sito non sicuro, questo è un problema.

È un problema perché la credibilità di ciò che fai, del sito web e del tuo ecommerce, dipende anche da questo. Senza dimenticare che Google ha sottolineato la presenza dell’HTTPS tra i fattori di ranking. Basta per convincerti a usare un buon certificato SSL?

Penso di sì, ma anche dopo aver fatto il passaggio da HTTP a HTTPS potresti avere qualche problema. Ecco perché devi fare un test del certificato SSL, ma da dove iniziare?

Etichetta non sicuro: manca qualcosa

Argomenti

Etichetta non sicuro: manca qualcosaTest e controllo contenuti misti HTTPVerificare scadenza certificato SSLHTTPS con lucchetto grigio nella paginaSSL Check: … Continua a leggere »



Come individuare e correggere link rotti su un sito web

Postato in data luglio 12th, da Riccardo Esposito in Blog. 2 comments

Trovare link rotti sul sito web è un punto essenziale per ottenere buoni risultati in termini di user experience. Le persone hanno bisogno di siti web navigabili e facili da scoprire. Un collegamento interrotto, invece, diventa un problema per gli internauti e i motori di ricerca.

Ben inteso, non è un dramma avere qualche broken link sul proprio sito web. Soprattutto se devi gestire portali di grandi dimensioni. Ma che siano interni o in uscita, quindi collegati a pagine del proprio dominio o a risorse esterne, meglio curare queste piccole imperfezioni.



Come forzare e velocizzare l’indicizzazione

Postato in data luglio 10th, da Riccardo Esposito in Blog. No Comments

Uno dei punti indispensabili per chi lavora con siti e blog. Spesso non ti basta essere visto dal motore di ricerca, vuoi forzare e velocizzare l’indicizzazione su Google di una pagina web.

Hai fatto delle modifiche, hai creato una nuova risorsa e vuoi che sia immediatamente raggiungibile dal motore di ricerca. Velocizzare e forzare l’indicizzazione vuol dire imporsi sui ritmi di Google per risolvere questioni particolari. Come muoversi in questi casi?



Come eseguire il backup del sito WordPress

Postato in data luglio 5th, da Riccardo Esposito in Blog. No Comments

Fare backup del sito WordPress vuol dire operare in sicurezza. Non puoi sapere cosa succede nel CMS, magari un aggiornamento eseguito male o un attacco esterno che mira a danneggiare il lavoro. Insomma, non puoi correre rischi: devi eseguire un backup completo.

Quali sono le procedure per mettere in pratica quest’operazione così importante? Ci sono soluzioni differenti, ecco perché devi prendere in esame diverse possibilità. In ogni caso la base di partenza è questa: mai iniziare un progetto web senza la possibilità di mettere al sicuro il tuo operato. In che modo? Scopriamolo insieme.



Blog aziendale: meglio interno o esterno al sito?

Postato in data luglio 2nd, da Riccardo Esposito in Blog. No Comments

La domanda che molti si fanno quando devono affrontare il tema dell’inbound marketing: meglio un blog aziendale interno o esterno? Il magazine deve essere parte del progetto principale o un universo editoriale diverso? La domanda può avere dei risvolti interessanti.

Ma ti rispondo subito: devi aprire un blog aziendale interno, in una sottocartella del tuo dominio. Vale a dire www.nomedominio.it/blog. In qualche caso il sito web coincide con il diario online, in altri puoi decidere di inserire una pagina statica come home page.

In altri ancora hai un vero e proprio portale che ospita un’evoluzione dinamica per pubblicare nuovi contenuti. Quando decidi di aprire una sezione del tuo universo online hai sempre paura di confondere la comunicazione ufficiale con quella del blog. Ma non è questo il punto, la decisione di creare un blog aziendale interno non è casuale. Ecco qual è … Continua a leggere »



Google impone l’HTTPS: quale certificato SSL scegliere?

Postato in data giugno 28th, da Riccardo Esposito in News. No Comments

Siamo agli sgoccioli, dal 22 luglio 2018 la nuova versione di Chrome bollerà come Non sicuri i siti web senza HTTPS. Quindi la domanda che molti si fanno è questa: quale certificato SSL scegliere per il proprio sito web, e-commerce, blog e portale?

Google ha dichiarato che i siti non HTTP saranno bollati come non sicuri, a prescindere dal tipo di dati richiesti e dalle azioni svolte dal pubblico.Questo ha praticamente costretto i webmaster a preferire l’HTTPS per il proprio dominio. Obiettivo: rendere il web un posto sicuro. 

La notizia già è stata diffusa, gli sviluppi non sono scontati. Infatti, passare da HTTP a HTTPS vuol dire sfruttare la sicurezza di un certificato SSL che mette al sicuro l’utente dalle azioni dei malintenzionati, da chi potrebbe entrare in possesso dei dati sensibili. E sai bene, soprattutto alla luce delle nuove regolamentazioni del GDPR, che … Continua a leggere »