Server dedicati: come scegliere

Quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare. No, non è una minaccia ma solo un modo simpatico per introdurre uno degli argomenti più interessanti del settore hosting: i server dedicati. Ovvero – come suggerisce il nome stesso – un server destinato a un unico cliente.
server dedicati
Quando un cliente acquista un web hosting in realtà sta affittando uno spazio. Il provider gestisce il server e rivende questo spazio a diversi clienti. Dato che stiamo parlando di macchine particolarmente costose si deve ottimizzare: su ogni server vengono ospitati diversi clienti.

Vogliamo usare una metafora? Un web hosting è come un condominio. In un unico palazzo ci sono diversi appartamenti, ognuno chiuso e isolato. Il prezzo è inferiore ma ci sono tutti i contro della convivenza: non puoi organizzare un party alle 3 di notte, non puoi scegliere un colore per le pareti esterne in modo indipendente.

Con il tuo hosting il discorso è simile: ci sono limiti di risorse ben precise, non puoi operare in totale indipendenza lato software. Per ogni progetto web c’è una soluzione: un piano hosting startup ha un obiettivo, un enterprise può essere utilizzato per qualcosa di più impegnativo. Ma quando il gioco si fa duro – e qui ritorniamo al paragrafo iniziale – la soluzione è semplice: server dedicato.

Ovvero un server, un cliente

Hai massima indipendenza, puoi dedicare questo spazio ai tuoi siti web o a un unico progetto. Hai la sicurezza di non dover condividere lo spazio con altri utenti, e i picchi di traffico non sono più un problema.

D’altro canto non è facile scegliere, acquistare e gestire un server dedicato. Con il web hosting devi solo acquistare, scegliere un dominio, caricare il content management system come WordPress (con i piani Easyapp eviti anche questo punto) e iniziare a lavorare. La manutenzione è ridotta a zero o quasi.

Un server dedicato, invece, comporta competenze specifiche, attività di monitoraggio diverse. E anche se nella maggior parte dei casi puoi scegliere soluzioni managed, ovvero gestite dal provider, non è semplice interfacciarsi con un server dedicato. Ecco perché abbiamo deciso di dedicare una rubrica sul blog Serverplan proprio a questo argomento. Ecco una selezione dei migliori articoli.

Server dedicato: cosa sapere

In questo primo elenco trovi gli articoli introduttivi, ovvero i post che ti permettono di capire di cosa stiamo parlando, qual è l’obiettivo di un server dedicato, quali sono i vantaggi e gli svantaggi di una simile scelta.

Aspetti tecnici

Una seconda selezione per individuare gli aspetti tecnici di questa soluzione: cosa devi sapere, cosa devi valutare prima di un acquisto, come gestire una macchina così delicata. In questi articoli trovi gli aggiornamenti.

Ovviamente il nostro obiettivo è approfondire sempre di più il tema server dedicato, quindi vogliamo aggiungere – quando possibile – nuovi contenuti alla lista. Se vuoi suggerire un tema puoi mandare la tua richiesta nei contatti, altrimenti puoi trovare altre risposte nella pagina FAQ server dedicati.