Come impostare una pagina statica come home page del tuo blog WordPress


Postato in data novembre 7th, da Riccardo Esposito in Blog. No Comments

Nell’ultimo articolo ho elencato i punti indispensabili per migliorare la pagina principale del tuo progetto online. Ora voglio esplorare un’altra necessità dei blogger: come impostare una home page statica su WordPress. Perché questa esigenza? Sai bene che non è una caratteristica comune e che si tratta di una piccola forzatura.
Come impostare una pagina statica come home page
Proprio così. Il blog nasce come diario online e ha una natura ben precisa: racconta l’evoluzione di un argomento attraverso il susseguirsi temporale dei contenuti. Questo significa che l’ordine cronologico dei post rimane sempre in primo piano.

Puoi scegliere come mostrare questo flusso. Ad esempio puoi puntare sulla classica anteprima che racchiude visual e primi paragrafi, oppure puoi caricare un’immagine in evidenza e definire un testo specifico. In ogni caso questa è la naturale home page del blog.

Ma le tue esigenze possono essere altrove. Ad esempio puoi aver bisogno di comunicare in modo diverso i tuoi obiettivi aziendali, o di puntare l’attenzione sui servizi e non sui contenuti del blog aziendale. Insomma, ci sono diversi motivi per impostare una home page statica sul tuo blog WordPress. Prima di scoprire come devi muoverti, voglio approfondire il perché.

Perché avere una home page personalizzata

Vuoi mettere subito in chiaro cosa fai, quali sono i valori aziendali. E lo vuoi fare riunendo i codici comunicativi, come il visual e il copy.

Nella home page vuoi uno slideshow con link interni per consentire al pubblico di raggiungere pagine specifiche. Magari delle landing page dedicate allo scopo più importante: generare lead e vendite. Magari vuoi creare una home page capace di racchiudere una sintesi della tua realtà aziendale: un long form content per toccare i punti essenziali e scoprire la tua offerta. Questa soluzione è ideale per le piccole aziende che possono riunire in un’unica risorsa tutto ciò che serve per prendere una decisione.

D’altro canto anche le grandi realtà si orientano verso questa direzione: non sempre presentarsi con un blog è la scelta giusta. Spesso bisogna accogliere il lettore con una home page che sia landing, e che riesca a convertire le visite. Ecco perché è così importante saper impostare una home page statica su WordPress. In che modo?

Come creare una pagina statica

Il primo passo per ottenere questo risultato: avere una risorsa da inserire. Ovvero una pagina statica diversa dal semplice post. Quest’ultimo è il pezzo di un puzzle più complesso all’interno di un calendario editoriale, mentre la pagina statica racchiude delle informazioni istituzionali.

Non ci sono grandi differenze tra un articolo e una pagina: sono due documenti che puoi usare per pubblicare contenuti. Per ottenere il tuo obiettivo e personalizzare la home page devi avere, prima di tutto, qualcosa da inserire al posto della classica sequenza di articoli.

Quindi devi andare nella dashboard di WordPress, cliccare sulla voce Pagine e aggiungere una nuova risorsa. A questo punto puoi lavorare come preferisci (magari con un plugin come Page Builder per avere a disposizione moduli e campi specifici) e pubblicare la pagina.

Per approfondire: come migliorare una pagina statica su WordPress

Come impostare una home page statica

Andiamo al sodo, come impostare una home page statica sul tuo blog WordPress? Non hai bisogno di grandi competenze, e non devi chiamare un web master per risolvere questo problema. Devi andare nella Dashboard e poi su Setting. Qui devi cliccare le opzioni di lettura.
Come impostare una home page statica
Trovi una voce che ti chiede di indicare cosa vuoi in home page. Preferisci gli articoli o una soluzione statica? Di default sei sulla prima opzione, ma basta una spunta per cambiare: clicca su pagina e scegli cosa vuoi inserire. Nella fattispecie puoi scegliere quella che hai appena creato e che risponde alle tue esigenze.

Basta questo per impostare una home page statica su WordPress. Una semplice spunta. Ma spesso il risultato non è dei migliori. Il motivo è semplice: la pagina che hai creato non ha le caratteristiche per svolgere il ruolo che hai scelto. Il problema risiede nel design: una pagina statica non è pensata per diventare una home page.

Le soluzioni sono tre: puoi utilizzare i già citati plugin per inserire i moduli, puoi chiedere a un web designer di preparare un template specifico da utilizzare in questi casi. Oppure, ultima possibilità, puoi sfruttare un tema specifico.

Scegliere il template giusto

Vuoi una home page statica per il tuo progetto, ma non vuoi rinunciare a WordPress e ai vantaggi di un blog. La soluzione? Puoi impostare una risorsa differente come ti ho appena mostrato, ma soprattutto puoi scegliere un tema WordPress già pensato per questa soluzione.

Negli archivi ufficiali e nei siti come Themeforest ci sono decine di soluzioni utili per soddisfare i tuoi desideri. Vuoi Impostare una home page statica su WordPress? Devi solo cercare il tema che ti consenta di lavorare in questa direzione. Qualche esempio concreto? Eccone uno.
impostare una home page statica
Questi sono i temi che conosco e che potrebbero aiutarti nell’impresa. Il blog resta un’arma indispensabile per molte aziende e per i liberi professionisti che vogliono farsi conoscere. Per innescare il processo di inbound marketing hai bisogno di contenuti. Ma anche di una home page che risponda alle tue necessità. E spesso il semplice susseguirsi di contenuti non basta.

Da leggere: 5 dettagli per ottimizzare un blog in ottica inbound marketing

Vuoi una home page differente?

In questo articolo ti spiego come impostare una home page statica su WordPress, come eliminare il flusso di contenuti a favore di una pagina fissa. Con informazioni concrete sulla tua azienda. Secondo te posso aggiungere qualcosa? Lascia la tua opinione nei commenti.

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares
0