Come scegliere un dominio di primo livello


Postato in data maggio 16th, da Riccardo Esposito in News. No Comments

Il dominio di primo livello (TLD) è un elemento chiave della tua presenza online. Sai già che è fondamentale rispettare una serie di regole per scegliere il nome dominio, quelle parole che ti rendono riconoscibile sul web. Ma anche il top level domain fa parte della tua identità.

Come scegliere un dominio di primo livello

A volte sono i dettagli a fare la differenza. Continuiamo a scrivere contenuti di qualità, ed è una cosa giusta perché questo lavoro permette di innescare il processo di inbound marketing: farti trovare nel momento in cui le persone hanno bisogno di te.

Il blog serve a questo, dobbiamo seguire la direzione del content marketing. Ma ci sono anche i microcontenuti, stringhe di testo che possono cambiare le sorti del tuo progetto. Qualche esempio concreto:

  • Tag title.
  • Meta description.
  • Didascalie.
  • Nomi etichette.
  • Dominio.

In questo elenco può essere inserito il dominio di primo livello, una particella di testo che può comunicare con i tuoi lettori, con il pubblico che ti trova su Google o sui social. La scelta è strategica: devi acquistare un dominio e, una volta individuate le parole  giuste, devi decidere qual è il TLD adatto alle tue esigenze. Tu hai già un’idea?

Cos’è il dominio di primo livello?

Il dominio di primo livello è un’estensione che dovrebbe definire la tipologia di sito. I domini si articolano da destra verso sinistra, quindi il dominio di primo livello è quell’abbreviazione che si trova alla fine dell’URL. Ecco la spiegazione grafica di Moz:

Cos'è il dominio di primo livello?

Anatomia di un URL SEO Friendly.

Il top level domain si trova all’estrema destra, prima della directory. Subito dopo c’è il dominio di secondo livello e poi il terzo. Attenzione, ogni passaggio è diviso da un punto. Spesso le aziende decidono di acquistare un dominio abbinato a diversi TLD (mysocialweb.it, mysocialweb.com) per lavorare sulla brand protecnion ed evitare l’azione dei concorrenti.

Per approfondire: proteggi il tuo brand, scegli il dominio giusto

Quanti tipi di top level domain esistono?

Ci sono i domini di primo livello nazionali e generici. Il tuo obiettivo è quello di descrivere l’attività attraverso questa estensione composta da poche lettere. Se vuoi dare una connotazione geografica al tuo progetto puoi scegliere un Country Code Top Level Domain (ccTLD), un dominio di primo livello nazionale composto da due lettere:

  • .it
  • .us
  • .uk

I domini di primo livello generici (generic top-level domain o gTLD) vengono usati per definire l’obiettivo del sito. Il più famoso, il .com, dovrebbe essere utilizzato per le aziende perché è l’abbreviazione di “commercial”.

Come suggerisce Wikipedia, in origine il .com “era riservato ai domini registrati da organizzazioni commerciali, ma la distinzione è andata persa nel momento in cui sono stati aboliti i limiti di registrazione”. Quali sono i gTLD più utilizzati?

  • .com
  • .org
  • .net

Negli anni sono stati proposti diversi ampliamenti alla lista di gTLD. Una decisione che l’ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers) ha accolto di recente proponendo oltre 700 nuovi domini di primo livello generici.

Parlo di soluzioni che spaziano dal .photo al .blog, e ti permettono di descrivere nel miglior modo possibile la natura del tuo lavoro o delle tue passioni. Questi gTLD non hanno valore per l’ottimizzazione SEO ma suggeriscono nel miglior modo possibile i confini della tua attività.

Come scegliere il dominio di primo livello?

Stai acquistando il tuo dominio, hai scelto le parole giuste per il tuo progetto online. Quale TLD scegli? Se la tua attività rientra nei confini territoriali può andar bene un dominio nazionale (ad esempio il .it), ma se vuoi espandere il tuo lavoro all’estero è meglio lavorare con un .com.

Come scegliere il dominio di primo livello?

La schermata Serverplan: come acquistare il dominio di primo livello?

È semplice capire se l’estensione di un dominio è disponibile. Basta andare nella sezione “acquista dominio” di un provider e lanciare una ricerca: dovrebbero apparire delle opzioni che ti permettono di scegliere la soluzione libera, o di avere maggiori informazioni sul soggetto che ha acquistato il dominio con l’estensione che ti interessa.

Ci possono essere soluzioni intermedie? Sì, il classico domain hack. Ovvero la scelta di un dominio sulla base di un gioco di parole: l’estensione non è una sigla descrittiva, ma parte attiva di una combinazione. Qualche esempio famoso: scoop.it, goo.gl, del.icio.us.

Per approfondire: come acquistare dominio e hosting Serverplan

Quale TLD scegli per il tuo progetto?

Devi ragionare e definire con cura le necessità, i bisogni e le sfumature del tuo business. A volte devi agire attraverso una prospettiva strategica e acquistare un altro dominio per evitare che i competitor usino il tuo nome. O per ottenere un vantaggio competitivo in una nicchia.

Tu quale TLD scegli o hai scelto? Lascia le tue osservazioni nei commenti.

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?

Latest posts by Riccardo Esposito (see all)





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Shares