Come aggiungere un blog sul tuo e-commerce Magento


Postato in data aprile 7th, da Riccardo Esposito in Ecommerce. No Comments

Hai comprato un hosting Magento e hai aperto un e-commerce. Hai investito il giusto per inaugurare uno shop online degno di questo nome, e hai fatto tutto il possibile per ottimizzare il tuo sito web. Questa la strada da seguire, perché sai bene a cosa vai incontro se non dai il massimo: il fallimento è in agguato, basta una distrazione per disintegrare i tuoi sforzi.
Come aggiungere un blog sul tuo e-commerce Magento
Pensa, ad esempio, a un’errata progettazione delle categorie e dei filtri: un dramma per l’user experience. Il potenziale cliente non trova ciò che desidera e chiude il browser. Stesso discorso vale per i tempi di caricamento pagina: la velocità premia, e i secondi di ritardo li paghi a caro prezzo. Senza dimenticare l’importanza delle immagini.

Hai un ecommerce, ora lo devi ottimizzare. Ma devi anche promuovere le sue pagine. Come? Io punterei su un’attività di inbound marketing, e sfrutterei il blog per creare contenuti di qualità da dare in pasto a Google e ai social. Le attività di SEO e Social Media Marketing sono decisive per fare in modo che le persone trovino il tuo brand nel momento giusto.

Ovvero quando hanno bisogno di te, del tuo prodotto o servizio. Inoltre il blog può essere decisivo in fase di lead generation e brand awareness, quando vuoi aumentare gli iscritti alla tua newsletter e fare in modo che il tuo nome sia sinonimo di affidabilità. Ma come come si crea un diario online su questo CMS?

Come aggiungere un blog su Magento con un’estensione

Il modo più semplice e immediato per aggiungere un blog al tuo ecommerce Magento? Usare un’estensione, un plugin per aprire una sezione blog nel tuo shop online. Una delle più usate e scaricate si chiama Community Edition by aheadWorks. Quali sono le caratteristiche di questa soluzione?

  • Tag e categorie
  • Menu di navigazione
  • Breadcrumb
  • Widget con gli ultimi post
  • Commenti
  • Feed RSS
  • Gratuito (supporto a pagamento)

Insomma, ci sono gli elementi base per avere un blog sul tuo ecommerce Magento. C’è un servizio di support dedicato e, come puoi vedere dall’immagine in basso, l’editor è WYSIWYG. In pratica ricorda un qualsiasi editor di testo. Quindi non devi avere grandi competenze per scrivere e pubblicare post.

e-commerce Magento

Magento: Community Edition by aheadWorks

Questa è l’unica estensione utile per inserire un blog in Magento? No, ce ne sono diverse e molte sono a pagamento. Mi ha colpito, però, Better Blog. Questo plugin permette di attivare un blog con delle caratteristiche interessanti: responsive design, ottimizzato SEO, feed RSS, commenti e pulsanti per la condivisione. Dettaglio da non sottovalutare: è gratuito.

Può bastare questo, non credi? Sfogli la sezione di magentocommerce.com dedicata ai blog e scegli l’applicazione adatta alle tue esigenze. Ma c’è chi non si accontenta delle soluzioni native e cerca qualcosa in più. C’è chi vuole sfruttare la forza di WordPress.

Da leggere: come utilizzare le categorie di Magento

Come aggiungere un blog su Magento con WordPress

No, non è un controsenso. Per aprire un blog su Magento puoi sfruttare la forza del miglior CMS in circolazione e unire i vantaggi delle piattaforme: Magento è dedicato all’ecommerce, WordPress al blog. Il tuo obiettivo è quello di integrare il tutto così prendi il meglio senza rinunciare ai vantaggi delle singole realtà.

Magento è un CMS perfetto per creare ecommerce strutturati. Per progetti semplici ed essenziali puoi scegliere qualcosa di diverso (tipo Prestashop), ma non c’è ombra di dubbio: con Magento puoi creare grandi cose. Lo stesso discorso vale per WordPress: hai di fronte a te la migliore soluzione per fare blogging. Vuoi creare un ecommerce con questa base? Lo puoi fare, ma stai forzando la mano.

Meglio mantenere i ruoli dei singoli content management system: Magento per ecommerce e WordPress per il blog. Come integrare queste soluzioni? Devi creare una cartella dedicata al blog nella root di Magento: in questa directory inserisci tutti i file (scompattati) del pacchetto WordPress. Operazione successiva: creare un database differente per il blog e installare il CMS.

Tutto ok? Perfetto, ora devi installare un’applicazione per far convivere le piattaforme. Usa FishPig WordPress Integration, una certezza per portare a termine questo lavoro. Questo plugin gratuito ti consente di fondere WordPress con Magento nelle versioni Enterprise, Professional, Community. Ed è disponibile in italiano. Le sue caratteristiche:

  • Un click per passare da Magento a WordPress.
  • Puoi usare il tema Magento per il blog.
  • Può integrare blog già esistenti senza perdere gli URL.
  • Nessuna conseguenza per la SEO.
  • C’è un’ampia documentazione disponibile: fishpig.co.uk.

A proposito di integrazione, la lista dei plugin supportati è lunga e comprende le principali risorse per dare una spinta al tuo blog: WordPress SEO by Yoast, Related Post, Advanced Custom Fields, Disqus Comment e altre estensioni utili per la personalizzazione, ma anche per risolvere problemi concreti come il bounce rate.

E tu cosa scegli: plugin nativo o WordPress?

Per avere un blog sul tuo ecommerce Magento puoi scegliere soluzioni differenti. Io credo che in entrambi i casi ci siano vantaggi e svantaggi: da un lato puoi sfruttare una soluzione nativa, con un semplice plugin puoi ottenere un blog e iniziare a pubblicare. Dall’altro alto, invece, hai WordPress e tutta la sua forza in termini di blogging.

In quest’ultimo caso, però, c’è bisogno di un’attenzione in più. Non puoi improvvisare, devi lavorare con tutte le competenze necessarie per poi sfruttare i vantaggi di una buona ottimizzazione SEO per WordPress. Allora, tu cosa preferisci?

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?

Latest posts by Riccardo Esposito (see all)





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Shares