Vita da Webmaster: intervista a Michele Papaleo


Postato in data agosto 3rd, da Riccardo Esposito in Vita da Webmaster. No Comments

Sono sicuro che c’è stato un momento preciso che ha segnato il passaggio, che ha cambiato la vita dei webmaster. Sbaglio? A volte lo penso anche io.

In fin dei conti quella del web è una storia basata su un processo evolutivo. Un processo rapido e non privo di ostacoli. Quello che facevamo prima per creare un sito web oggi è pura fantasia, stesso discorso vale per l’ottimizzazione SEO e per il copy.
Michele Papaleo
Oggi tutto è differente. Ma abbiamo perso anche lo spirito del webmaster? Come si è evoluta questa figura? Ho già intervistato diversi specialisti – Benedetto Motisi, Carlotta Silverstrini, Domenico Puzone solo per fare qualche nome – e adesso è arrivato il momento di Michele Papaleo. Allora, Michele…

Come è iniziata al tua vita da webmaster?

Ho iniziato a navigare su Internet nel 2006. All’epoca avevo 11 anni e girovagavo per le Community di Teenager. Ho iniziato a creare i miei primi fan site usando servizi gratuiti come Altervista e CMS come phpBB, myBB e WordPress.

Ho iniziato a smanettare, a capire come si installa e configura un CMS, cos’è un database MySQL. Erano cose molto basilari, ma all’epoca mi sembrava di avere il mondo in mano.

Non avevo un obiettivo preciso: aprivo e chiudevo siti web come se cambiassi un paio di scarpe. Era un divertimento, cercavo di soddisfare la mia curiosità verso questo nuovo mondo.

I primi siti web che ho avviato erano un pugno nell’occhio: grafiche pre-impostate, nessuna personalizzazione, niente di niente. Scaricavo il CMS, lo caricavo sull’hosting tramite FTP e tac: avevo il sito online.

Poi cosa è successo?

Dopo circa 3 anni, nel 2009, il web era cambiato: i social network prendevano piede anche in Italia, proliferavano in un modo assurdo i blog. Avevo capito che il web era una passione, ma che poteva diventare qualcosa di più.

Sono rimasto affascinato dal mondo del Web Marketing: ho iniziato a studiare libri di autori italiani e non, a seguire blog, prendere parte a forum di settore, seguire webinar.  Ho deciso di aprire il mio blog, dove parlo di social media marketing e blogging.

Il web in questi anni è diventato molto complesso. Nel (non tanto) lontano 2006 una sola persona era capace di gestire un intero sito web in tutte le sue sfumature, ma oggi non è più possibile.

Nuove figure

L’evoluzione dei motori di ricerca, sempre più complessi e sempre più attenti, ha reso necessario la nascita di una figura professionale sempre più presente in azienda e in agenzia: l’esperto SEO.

Qualche anno fa, invece, era abbastanza semplice “aggirare” Google e arrivare in prima pagina anche senza un minimo di strategia. Oggi questa figura ricopre un ruolo molto più importante rispetto al passato e gioca un ruolo decisivo nelle strategie aziendali.

Allo stesso tempo si è capito l’importanza dei contenuti in una strategia di comunicazione digitale: i consumatori e i motori di ricerca vogliono contenuti. Ecco qui che la figura del web writer è diventata necessaria. Sempre più aziende ricorrono a Web Writer verticali per la creazione dei contenuti.

Tutte queste mansioni, prima, erano svolte da una sola persona, il web master. Ciò era possibile perché non vi era la complessità che vi è oggi e non vi era questa netta distinzione fra le varie aree. Era tutto molto ma molto più semplice, era una scoperta un po’ per tutti e Internet non aveva il bacino di utenza che ha oggi.

Sono arrivato a una conclusione

Il ruolo del webmaster come lo conoscevamo nel lontano 2006 non esiste più. Il web si è evoluto e sono cambiate anche le professioni del web: si sono così sviluppate professioni come l’esperto SEO, lo sviluppatore, l’ecommerce manager, il social media manager, il community manager, il web strategist e così via.

Ruoli e mansioni che, una volta, erano quasi tutti svolti dalla stessa persona. Oggi questa persona ha un ruolo molto più specializzato ed è affiancato da una serie di figure professionali che garantiscono il funzionamento del sito web in tutte le sue aree.

Se vogliamo parlare di evoluzione, molto probabilmente il Web Master del 2006 è il Web Developer di oggi: colui che si occupa dello sviluppo e della parte tecnica del sito web. Magari, fra 5 anni, sarà cambiato tutto. Fa parte del gioco dell’innovazione e dell’evoluzione.

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares