Come inserire i pulsanti di condivisione social sul tuo blog WordPress


Postato in data gennaio 19th, da Riccardo Esposito in Wordpress. 4 comments

Hai un blog WordPress? Perfetto, sei nel posto giusto perché da qualche tempo sto pubblicando articoli e tutorial dedicati a questo argomento (trovi tutto qui). D’altro canto è giusto che sia così: WordPress è una delle piattaforme più utilizzate da chi vuole gestire un blog.

community

Il processo è semplice: acquisti un hosting ottimizzato per WordPress, scarichi il CMS e lo carichi sullo spazio web, prenoti un buon dominio (ecco una guida per scegliere il dominio adatto al tuo blog) e inizia a scrivere. Inizia a pubblicare i contenuti utili ai tuoi lettori, inizia  a farti conoscere e a pianificare obiettivi a breve e a lungo termine.

Nel frattempo personalizza il tuo blog. Perché un blog deve rispettare le preferenze e le esigenze dell’autore. Quindi scegli un tema WordPress per definire le caratteristiche estetiche e dei plugin per migliorare le prestazioni del blog. Poi noti qualcosa: mancano i social share button.

Esatto, mancano i pulsanti che ti permettono di condividere gli articoli sui diversi social. Ed è una mancanza grave perché il successo del tuo blog passa anche da questo dettaglio. Ecco qualche consiglio per inserire i pulsanti social e condividere i tuoi articoli nelle bacheche giuste.

Cosa sono i social share button

I social share button sono dei pulsanti che possono essere posizionati in diversi punti dell’articolo o della pagina. Hanno un compito molto semplice: permettono all’utente di condividere un contenuto sulla bacheca social. Ma non solo: in alcuni casi è possibile inserire anche pulsanti che esprimono un semplice apprezzamento (tipo “Mi Piace” di Facebook) o che permettono di condividere in canali privati.

Di solito c’è il pulsante per condividere via email, ma negli ultimi tempi è apparso quello per ripubblicare il link dell’articolo su WhatsApp. Sinonimo dell’importanza centrale che questa piattaforma ha anche nello scenario social.

social share

Gli share button si distinguono dai social button: quest’ultimi sono i pulsanti che si trovano nel footer o nella sidebar per indicare e linkare i diversi profili social.  Gli share button hanno due funzioni differenti:

  • Diffondere il link sui social.
  • Influenzare le scelte degli utenti.

Nel primo caso abbiamo una semplice azione – un click – che permette all’autore del blog di essere presente su una bacheca, in una timeline. In questo modo aumentano le visite, ma aumenta anche la diffusione del proprio brand: quando inserisci un pulsante di ReTweet, ad esempio, puoi fare in modo che esca anche il nome account o un hashtag.

twitter

Più condivisioni vuol dire più visite, e di conseguenza più occasioni di avere traffico targettizzato e potenzialmente disposto a inserire link. O a creare passaparola online e offline. Di conseguenza è tuo preciso interesse agevolare il compito dei bottoni social. Ma prima di affrontare questo punto voglio chiarire: perché i bottoni social influenzano le scelte degli utenti?

Riprova sociale

I bottoni possono essere utilizzati per definire la riprova sociale, per sfruttare quella pulsione umana che spinge verso le scelte altrui: l’uomo segue la massa e di conseguenza si lascia influenzare da ciò che è stato già detto e fatto. La maggior parte dei pulsanti social permette di inserire un counter, ovvero un contatore che indica il numero di condivisioni. E questo numero influenza le azioni degli altri lettori.

social

Guarda questa schermata. Un buon risultato, vero? I numeri collezionati da questo post sono interessanti e spingono all’azione: spingono alla condivisione. E possono essere inseriti a discrezione: se i numeri sono bassi puoi anche decidere di evitare il counter (basta togliere la spunta su “show count”). Tutto questo ha un valore per Google? Ecco le parole di Francesco Margherita, prese dal suo ultimo libro Manuale di SEO Gardening:

Google ha sempre scansionato e dato valore al testo, pertanto credo fermamente che quando si parla di segnali sociali ci si debba riferire a quello e non a una serie di numeri, che tutt’al più potranno essere indicatore del fatto che il contenuto è stato ritenuto interessante.

Quindi restano dei numeri. Dei numeri che però possono influenzare le scelte individuali e portare buoni risultati indiretti: più visite. Più condivisioni, più occasioni per ottenere link spontanei. Ma tutti i pulsanti sono uguali? Tutte le posizioni sono valide?

Come inserire un pulsante share

Ci sono dei punti da rispettare. in primo luogo i pulsanti devono essere ben visibili. Inutile mettere dei pulsati microscopici in un angolo oscuro del post. Nella maggior parte dei casi i pulsanti vengono inseriti:

  • All’inizio del post.
  • Alla fine.
  • In una barra di scorrimento.

Inserire i pulsanti alla fine del post vuol dire invitare le persone a condividere dopo la lettura, ed è un ragionamento logico. Ma questa lettura avverrà realmente? Le ricerche sottolineano che le persone condividono e non leggono, o comunque condividono prima di leggere. A volte i pulsanti si inseriscono all’inizio e poi alla fine, oppure all’inizio e su una barra di scorrimento che segue lo scrolling del lettore.

twitter

Ancora un consiglio: quando scegli i pulsanti social assicurati che non ci siano passaggi intermedi, finestre che richiedono autorizzazioni o iscrizioni a servizi più o meno conosciuti. Le azioni che devono svolgere gli utenti devono essere sempre semplificate, mai complicate. Ogni passaggio in più e un’azione in meno.

Quali pulsanti inserire

La risposta può essere diversa in base al senso della domanda: in primo luogo suggerisco di inserire solo i pulsanti dedicati alla tua nicchia. Inutile inserire tutti i social esistenti sul web. E poi ti consiglio di utilizzare i pulsanti ufficiali delle diverse piattaforme. Le soluzioni:

  • Inserire il codice di ogni singolo pulsante.
  • Usare un plugin.

La scelta ideale è quella di prendere i codici dai diversi servizi e inserirli manualmente. A chi non è esperto di codice consiglio Really Simple Share Plugin che permette di inserire tutti i pulsanti e di evitare problemi di allineamento. Flare, invece, è un plugin perfetto per inserire la barra laterale di share sfruttando un design non banale.

Questo ovviamente non è un tutorial definitivo, non è la soluzione giusta a ogni blog o sito web: la posizione e la forma dei tuoi social share button devono seguire le esigenze e le abitudini del tuo pubblico. Tutto funziona se va bene alle persone che amano il tuo blog: quindi devi fare test, test e ancora test.

Riccardo Esposito

Blogger per Serverplan, webwriter freelance e autore di My Social Web. Scrivo ogni giorno. Ho pubblicato un libro dedicato al mondo del blogging. Ah, l'ho già detto che scrivo?




4 commenti su “Come inserire i pulsanti di condivisione social sul tuo blog WordPress

  1. Sempre inseriti a mano! Un altro consiglio se si ha un blog in forte trust è quello di implementare i pulsanti social per la condivisione senza il richiamo esterno del JS in modo da velocizzare ulteriormente il caricamento del sito!
    Altrimenti caricarli in modo asincrono :-D

    • Grazie Matteo, consigli preziosi.

      Ma quando li inserisci a mano non noti che è difficile allinearli? Hai qualche consiglio per mantenerli tutti con la stessa distanza?

      • Hai ragione! Con una classe CSS dedicata ai social dovrestimigliorare la situazione, ma sono consapevole che non saranno mai perfetti come dei pulsanti immagine. :-D

        • Infatti. Anche io sono un sostenitore del “meno plugin su WordPress”. Ma onestamente non sono mai riuscito a sistemare i bottoni in modo ordinato senza plugin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Shares